Cambio d'incarico per 42 sacerdoti, rivoluzione in diocesi con nuovi parroci

Monsignor Gian Carlo Perego, arcivescovo di Ferrara e Comacchio

L’arcivescovo Perego ha ufficializzato le nomine e vengono costituite delle ulteriori unità pastorali nel Ferrarese. Nominato anche un pool con tre esorcisti

FERRARA. Un valzer di cambiamenti senza precedenti nel clero ferrarese, con l’assegnazione di nuovi incarichi per 42 sacerdoti della diocesi.

Unità pastorale


L’arcivescovo Gian Carlo Perego ha accelerato sul progetto delle unità pastorali, strumento indispensabile in questo momento di scarsità di preti per cercare di coprire le esigenze religiose del vasto territorio diocesano, usando uno schieramento a zona. I sacerdoti faranno il loro ingresso ufficiale nelle nuove parrocchie tra i mesi di settembre e ottobre. Cambi di parroci significativi a Ferrara, Comacchio, Codigoro, Mesola e in tanti altri centri con la nomina anche di vicari e cooperatori pastorali.

Le nomine

A Bondeno si costituirà l’unità pastorale in aiuto al parroco don Andrea Pesci con l’arrivo di don Andrea Frazzoli e don Roberto Pambianchi. A Cassana e Porotto nuovo parroco è don Marco Viti, vice don Adrian Gabor.

A Cocomaro di Cona e Cocomaro di Focomorto don Aleardo Pisani è il nuovo amministratore parrocchiale.

Unità pastorale a Codigoro con il nuovo parroco don Marco Polmonari, coadiuvato da don Raymond Ekanga, da don Stefano Gigli e da don Stefano Navarrini.

A Comacchio arriva come parroco don Guido Catozzi. Nella zona pastorale opereranno anche don Ruggero Lucca, monsignor Guerrino Maschera, don Giancarlo Pirini, don Piergiorgio Zaghi, don Andrea Capretti, don André Nayeton.

Correggio è stata affidata a don Alberto Campi.

A Massa Fiscaglia il nuovo parroco è don Pietro Predonzani e per la zona pastorale di Fiscaglia don Lucasi Lukingae don Massimiliano Chioppa.

A Mesola il nuovo parroco è monsignor Mauro Ansaloni, sarà coadiuvato nella zona pastorale da don Michele Lain e da don Francesco Garbellin.

Le parrocchie del comune di Ostellato sono affidate a don Luciano Domeneghetti.

Il nuovo amministratore parrocchiale di Pontegradella e Focomorto è padre Valentino Menegatti.

Porporana diventa una parrocchia aggiuntiva per don Giorgio Lazzarato.

Si costituisce un’unità pastorale anche a Ro, con la nominata di don Andrea Tani parroco anche di Tamara, Saletta, Zocca, Corlo, Pescara, e Fossadalbero. Sarà aiutato da don Enrico Peverada e da don Nereo Milan.

Cambio importante anche nella parrocchia più popolosa della diocesi, la Sacra Famiglia con i suoi 12 mila abitanti. Il nuovo parroco è monsignor Marco Bezzi, nominato vicario parrocchialedon Mauro Paoluzzi.

Cambio importante anche nella parrocchia di San Benedetto, il nuovo parroco diventa il salesiano don Paolo Salmi, già responsabile dell’oratorio di Sambe.

Nomina di vicario parrocchiale di Viconovo, Sabbioncello e Fossalta per don Gino Boattin.

A Vigarano Mainarda il nuovo parroco è don Giacomo Falco Brini. Viene costituita un’unità pastorale dove ci sarà come viceparroco don Pierre Célestin Mbalangae con coopertori don Raffaele Benini e don Rosario Bonaccio.

Rettore della Chiesa di Santa Chiara Vergine in corso Giovecca a Ferrara è don Davide Benini.

Rettore della Chiesa del Pio Suffragio di via San Romani è stato nominato monsignor Graziano Donà.

Mantenendo l’incarico della Cappellania ospedaliera presso la Cittadella San Rocco, don Andrea Tosini si sposta a Ferrara per il servizio all’Asp e la disponibilità al servizio in una parrocchia cittadina.

Gli esorcisti

Un pool di esorcisti in diocesi composto da tre sacerdoti. L’arcivescovo Gian Carlo Perego ha costituito un gruppo stabile di esorcisti, nominando contestualmente i sacerdoti don Stefano Navarrini (per i vicariati di Codigoro, Copparo e Comacchio); don Stefano Silvestri (per i vicariati di Voghenza e Bondeno) e don Aleardo Pisani (per il vicariato urbano e per i due vicariati suburbani della diocesi ferrarese). —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI