Muore dopo la partita a tennis al Travone di Lido Spina

I sanitari cercano di rianimare il tennista sotto gli occhi della moglie

Un uomo di 45 anni accusa un malore al centro sportivo, inutili tutti i tentativi di rianimarlo davanti alla moglie. Lascia anche due figlie piccole

LIDO SPINA. Si è accasciato a terra quando ormai la sua ora di sport era terminata. Un dramma si è consumato questa mattina, martedì 13 agosto, al centro sportivo Il Travone di Lido Spina. Erano circa le 9 quando su un campo un giocatore è caduto al suolo privo di sensi. Immediati i soccorsi, in via del Guercino si è precipitata un'ambulanza e, subito dopo, i sanitari del 118 hanno chiesto l'intervento dell'elisoccorso, decollato poco dopo da Ravenna.

L'uomo è stato rianimato per un'ora, davanti agli occhi impietriti della moglie, giunta anche lei sul posto. Ma non c'è stato nulla da fare: Alessandro Carulli, 45 anni, di Milano, non si è mai ripreso. La vittima, oltre la moglie, lascia due figlie piccole.

La famiglia milanese era in villeggiatura a Lido Spina e l'uomo, proprio per approfittare dell'ora meno calda, aveva prenotato il campo fino alle 9. Ma l'accortezza non è bastata, la fatalità ha prevalso.

I mezzi di soccorso sono così rientrati, mentre al centro sportivo sono arrivati i necrofori per il trasporto della salma. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

La guida allo shopping del Gruppo Gedi