Cagnolino narcotizzato dai ladri entrati in casa. Rubata la biancheria

ARGENTA. Neppure lasciare il cane in casa sembra essere un sistema per impedire le intrusioni di ladri pronti a tutto. Anche a narcotizzare il quattrozampe. È accaduto ad Argenta, dove un cane meticcio di piccola taglia, rimasto in casa mentre la sua padrona è uscita per alcune ore, è stato narcotizzato dai ladri che sono penetrati giovedì sera, a Ferragosto, in un’abitazione e sono riusciti a rubare – da un primo sommario inventario – biancheria per la casa. . Resta comunque il danno più umiliante, quello di aver ricevuto una sgradevole visita dei ladri che, oltre ad aver messo a soqquadro l’intera abitazione e toccato l’intimità dei ricordi personali, hanno anche narcotizzato il cagnolino – «buono e tranquillo», come spiegano i proprietari – per impedirgli di abbaiare. A quel punto o ladri hanno avuto gioco facile, in quanto l’abitazione di via Terraglio della Carità dove vive una vedova, al momento dell’intrusione è rimasta vuota dalle 20 alle 23.

L’accaduto è stato scoperto dalla stessa padrona di casa solo al suo rientro e a quel punto non ha potuto far altro che chiamare i carabinieri di Argenta.


Dalle prime indagini dei militari, risulta che i malviventi – non si esclude siano gli stessi il 13 agosto hanno agito in via Palmanova, scappando quando hanno scoperto che il proprietario era in casa – dopo aver sollevato una tapparella, hanno forzato una finestra e una volta dentro hanno rovistato in tutta l’abitazione. –

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.