I volumi traslocano dal Palazzo Scarselli Arriva il contributo post sisma regionale

La biblioteca subì danni dal terremoto e così servono lavori Entro il 2020 i libri ed i materiali preziosi saranno trasferiti

CENTO. Dalla Regione 120mila euro al Comune di Cento per finanziare il trasferimento del materiale librario e degli arredi di Palazzo Scarselli, oggetto di interventi di recupero post sisma.

Con un decreto del 26 luglio, a firma del presidente della Regione e commissario delegato agli interventi di ricostruzione post sisma Stefano Bonaccini, arriva così l’assegnazione, in via provvisoria, a favore dell’Ente. Un provvedimento inserito nel contesto dall’ordinanza 26/2012 “Programma Operativo Municipi – Soluzioni alternative temporanee e/o definitive alla riparazione, ripristino e/o ricostruzione strutture municipali”. Dalla Regione, quindi, risposta positiva al Comune di Cento che a luglio aveva chiesto contributi, proprio pensando ad un’alternativa per i preziosi materiali “rinchiusi” dal 2012 a Palazzo Scarselli, per «soluzioni alternative temporanee messe in atto per far fronte alla non agibilità delle strutture municipali e provinciali, consistenti in affitti, traslochi, acquisto arredi, acquisto immobili, realizzazione nuove strutture, compreso il trasferimento di archivi e biblioteche e strutture culturali». Una richiesta che trova fondamento nel Programma Operativo Municipi rimodulato in base all’ordinanza 27 del 13 novembre 2018, in cui sono previste risorse da destinare proprio a questo scopo, per un costo stimato di oltre 15,3 milioni di euro.


IL PROGETTO

I 120mila euro assegnati a Cento serviranno a coprire le spese che il Comune sosterrà per il trasloco del materiale librario, vincolato e non, presente nell’edificio danneggiato nonché tutti gli arredi qui contenuti. Lo spostamento, che avverrà presumibilmente entro il 2020, è necessario per lasciar spazio ai lavori di miglioramento sismico che verranno realizzati su Palazzo Scarselli.

Tutto il materiale rimosso dalla biblioteca verrà temporaneamente depositato presso un immobile di proprietà comunale, anch’esso oggetto di lavori di riparazione post-sisma che saranno ultimati probabilmente entro il primo semestre del 2020. Il finanziamento copre anche il successivo ricollocamento nella sede di via Ugo Bassi, una volta ripristinata.

Un intervento che, in base alla documentazione presentata alla Agenzia Regionale per la Ricostruzione Sisma 2012, viene ritenuta da Bonaccini “ammissibile e finanziabile”. Un’assegnazione provvisoria che diverrà definitiva nel momento in cui l’Agenzia Regionale per la Ricostruzione-Sisma 2012, attesterà la congruità economica delle spese da sostenere. Il Comune di Cento infatti è soggetto attuatore dell’opera di ripristino e ristrutturazione post sisma di Palazzo Scarselli.

iL PALAZZO LESIONATO

Sull’immobile di proprietà della Provincia, sede della biblioteca di Cento prima del terremoto, molteplici le ferite inferte dal sisma. La struttura, di tre piani con circa 20 locali a piano, ha registrato infatti una inagibilità E: presenta lesioni diffuse, anche importanti, e al primo piano il distaccamento e la rotazione del solaio in facciata.

Palazzo Scarselli è rientrato nel novero degli edifici (con palestra della Bocciofila, ex Ufficio del Registro, fabbricato comunale di XII Morelli, Rocca, magazzino di via Farini, stabile di Protezione civile, stadio comunale Bulgarelli e Porta Pieve) finanziati dalla Regione per 1.606.343 euro, e inseriti nell’ambito del Piano Annuale Beni Culturali 2013-2016.

Già mossi i primi passi per il suo ripristino: dallo scorso dicembre sono infatti stati affidati i servizi di ingegneria ed architettura per la redazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica e le indagini diagnostiche sulle strutture e sui materiali. Obiettivo, giungere ad un adeguato livello di progettazione degli interventi necessari per il recupero post sisma dell’immobile. —

Beatrice Barberini

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI