Lite a bordo dell’autobus, porta spaccata a bottigliate

Tre giovani denunciati dai carabinieri per rissa, danni e interruzione di servizio. Sicurezza del trasporto pubblico, sui mezzi sono in arrivo le telecamere

FERRARA. Attimi di paura nel tardo pomeriggio di sabato su un autobus Tper. Erano circa le 19 quando il torpedone è partito dall’autostazione di corso Isonzo con a bordo un gruppo di passeggeri stranieri che stava animatamente discutendo. I litiganti hanno continuato a discutere ignorando la presenza degli altri passeggeri e incuranti di trovarsi a bordo di un mezzo pubblico.

Il danneggiamento. Giunti in via Massafiscaglia, dopo l’abitato di Viconovo la discussione si è fatta ancora più animata, tanto che uno dei due ha preso in mano una bottiglia e ha divelto un vetro della portiera laterale dell’autobus.


Il conducente ha richiesto l’intervento dei carabinieri della Compagnia di Ferrara che, intervenuti sul posto hanno identificato e denunciato tre giovani libici tutti incensurati. Devono rispondere dei reati di rissa, danneggiamento e interruzione di pubblico servizio, dato che l’autobus è rimasto fermo per circa un’ora. Altre persone coinvolte nel diverbio sono invece fuggite.

L’episodio ripropone una riflessione sulla sicurezza negli autobus di linea per i quali è in atto uno specifico protocollo tra azienda e Prefettura, che prevede l’installazione su tutti i mezzi pubblici di telecamere di videoregistratore ai fini della sicurezza, fortemente voluto anche dai sindacati a tutela dei passeggeri e di tutto il personale viaggiante.

Telecamere. Sul fatto stanno indagando i carabinieri, che hanno richiesto l’acquisizione delle immagini delle telecamere di bordo per identificare i responsabili della lite che ha generato l’atto vandalico. L’episodio fa seguito ad altre movimentate discussioni avvenute alcune settimane fa sempre sulla linea Ferrara-Tresigallo. –

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI