Contenuto riservato agli abbonati

Sull’ ex zuccherificio di Comacchio il Parco si tira fuori: «L’area non è nostra»

Legambiente e Asoer puntano al finanziamento regionale. Ma al bando può partecipare chi è proprietario dei terreni

Comacchio, dal Parco del Delta sì alla rinaturalizzazione dello zuccherificio

COMACCHIO. Quale futuro per l’ex Zuccherificio di Comacchio? Dopo la vittoria del Coordinamento No discarica che ha visto la decisione da parte di Sipro e Petroltecnica di sospendere il progetto di rinaturalizzazione dell’area, Legambiente ed Asoer (associazione ornitologi dell’Emilia-Romagna) guardano al Parco del Delta del Po per portare avanti un progetto comune da presentare in Regione per avere finanziamenti. Tutto fila liscio, dunque? No. Gli scogli sono a quanto pare molto alti e non sarà semplice venirne a capo.

I soldi

In un primo momento Legambiente e Asoer hanno pensato di camminare da sole, provando a capire se fosse possibile o meno partecipare al bando della Regione per il Ripristino di ecosistemi.

Già i primi passi hanno però messo in evidenza l’impossibilità delle due associazioni di andare avanti perché l’erogazione del finanziamento è e solo a fine lavori e i soldi andrebbero dunque anticipati. Ma Legambiente e Asoer non ce la fanno e non riescono ad accendere eventuali mutui non essendo in grado di esibire garanzie.

Il parco

E qui dovrebbe entrare in scena il Parco del Delta, già chiamato in causa dai membri del Coordinamento del No discarica chiedendo di farsi carico della questione ed arrivare così realizzazione del progetto. Secca la risposta del direttore del Parco Maria Pia Pagliarusco: «Io continuo a non capire – dice decisa –. Eppure sono sempre stata molto chiara. Il Parco nulla può fare per un semplice motivo: non siamo proprietari dell’aera e di conseguenza non possiamo partecipare ad alcun bando. I soldi li danno ai proprietari delle terre e nel caso specifico la proprietà è di Sipro».

E quindi l’incontro in Regione fissato per i primi di settembre con l’assessore Gazzolo? «Premesso che non è arrivata ancora alcuna comunicazione, semplicemente l’assessore si è detta disponibile a parlarne cercando di capire se ci sono altre strade. Quale sarà eventualmente il ruolo del Parco, è da vedere». —