Pilota 35enne accusa infarto sul circuito di Pomposa

Trasportato d'urgenza all'ospadale Sant'Anna di Cona, i primi segnali di malessere già in mattinata

SAN GIUSEPPE. Accusa un malore sul circuito internazionale Pomposa di San Giuseppe e viene trasportato d’urgenza, in ambulanza, all’ospedale Sant’Anna di Cona, per un infarto in atto.

Il malore

È successo nel primo pomeriggio di ieri, quando attorno alle 14. 30 un pilota 35enne è stato soccorso dal personale della pubblica assistenza operativa nel circuito, cui si è poi affiancato quello dell’automedica dell’ospedale del Delta. Il giovane, frequentatore assiduo del circuito, giunto martedì con la propria compagna e con la propria moto “supermotard”, avrebbe dovuto cimentarsi ieri mattina nelle prove libere in pista. Ma qualcosa non è andato per il verso giusto, tant’è che il centauro ha rinunciato ai giri di prova della sessione del mattino, dopo aver lamentato dolori allo stomaco che, purtroppo, con il passare delle ore si sono fatti sempre più persistenti. La compagna del pilota ha chiesto al bar interno al circuito se qualche cliente o altro pilota fosse munito di compresse per contrastare dolori gastrici, ma anche l’assunzione del farmaco non ha interferito con i sintomi in atto che, evidentemente, erano di ben altra natura.

Diagnosi e soccorso

A cogliere al volo la gravità della situazione è stato, nel primo pomeriggio, proprio il personale del 118 che, dopo una prima visita, ha impedito al 35enne di rimettersi alla guida per fare rientro a casa, disponendo invece accertamenti diagnostici urgenti in ospedale. I soccorritori, infatti, dall’esecuzione in pista dell’elettrocardiogramma sono riusciti ad individuare la presenza di un grave scompenso cardiaco.

Prima del trasporto d’urgenza all’ospedale di Cona, è stato richiesto anche il consulto del medico operativo a bordo dell’automedica dell’ospedale di Lagosanto. Da lì la conferma e la corsa al Sant’Anna. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.