La Regione rassicura Cento. Punto nascita confermato

Il sindaco Toselli e Vagnini (Asl) hanno incontrato a Bologna il presidente Bonaccini e l’assessore Venturi. A breve l’arrivo dei primari

CENTO. Il Punto Nascita del Santissima Annunziata non corre rischi e la Regione impegnata a mantenerlo operativo. Inoltre in tempi brevi arriveranno i primari per i reparti di ortopedia, radiologia e terapia intensiva dell'ospedale centese. È quanto emerso ieri nell’incontro svolto a Bologna tra il presidente regionale Stefano Bonaccini, l'assessore Sergio Venturi, il sindaco Fabrizio Toselli e il direttore generale dell'Azienda Usl ferrarese Claudio Vagnini

I Dati

I dati confermano le nascite in aumento al Santissima Annunziata. E ogni anno sono quasi 500 i parti che avvengono all’ospedale centese, il numero minimo considerato indispensabile per fornire cure perinatali sicure. Così la Regione Emilia-Romagna conferma il proprio impegno per continuare a garantire l’operatività del Punto Nascita, con personale, attrezzature e tecnologie adeguate, in modo da continuare a rendere operativa la deroga concessa dal ministero della Salute alla struttura.

È emerso ieri nel corso del confronto nella sede della Regione, a Bologna, tra il presidente della Regione, l’assessore regionale alla Sanità, il sindaco di Cento e manager dell’Asl ferrarese.

«Ci sono tutte le condizioni- hanno detto Bonaccini e Venturi- per confermare l’impegno della Regione per l’ospedale Santissima Annunziata e gli investimenti sull’attività dei professionisti e sulle strutture, con l’obiettivo di mantenere e rendere sempre più attrattivo il Punto nascita».

Il risultato

«L’attenzione al nostro Punto Nascita è un segnale importante della Regione per il territorio- ha affermato il sindaco Toselli.- Un ottimo risultato che ripaga anche dell'impegno profuso in questi anni per salvaguardare l'ospedale e il punto nascita. La Regione si è dimostrata particolarmente sensibile vicina al territorio. Assieme alle misure per le rette dei nidi, rappresenta importante politica di sostegno alle famiglie e di attenzione alle mamme e ai bambini».

Va in questa direzione anche la scelta di collocare il Consultorio familiare all’interno dello stesso ospedale, per garantire alle donne un’assistenza completa, prima e dopo il parto.

Nel corso dell’incontro la Regione ha garantito in tempi rapidi all’ospedale di Cento l’assegnazione dei primariati di ortopedia, radiologia e terapia intensiva, attualmente scoperti, così da assicurare la massima operatività al Santissima Annunziata. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi