Aria malata, beffa sull'asse con Bologna

Inquinamento dell'aria provocato dal gas di scarico di un'auto

Il fondo domenicale del direttore della Nuova sulla bozza del decreto clima che penalizza Ferrara

FERRARA. L’aria che respiriamo a Ferrara è tra le peggiori d’Italia, ben più inquinata di quella bolognese. I dati delle micropolveri sono inclementi, all’ombra del Castello contano il doppio degli sforamenti che sui viali del capoluogo regionale, il limite annuo fissato dall’Europa era già bello che bruciato a febbraio. Finito in fumo che si accumula nei polmoni e passa nel sangue, come indicano gli studi più avanzati sul particolato ultrafine.
Si sa, quest’angolo di pianura è un catino in cui l’aria ristagna e i veleni si accumulano. È risaputo.

Eppure la bozza del decreto clima, provvedimento bandiera dell’alleanza di governo, prevede a Bologna e provincia incentivi per la rottamazione dei veicoli più inquinanti e fondi per il trasporto scolastico a basso impatto e per piantare boschi urbani per Bologna e provincia, ma a Ferrara no. La questione è legata alla scelta di rivolgere le “misure per il miglioramento della qualità dell’aria” alle zone che da cinque anni sono oggetto di procedura di infrazione comunitaria per i livelli di inquinamento, tra cui l’intera pianura emiliana, ma di limitarle alle sole “città metropolitane”, gli enti istituiti per rimpiazzare le più popolose province italiane. Per come è stato imbastito il provvedimento, chi abita a Bologna, a Molinella o a Pieve di Cento (e forse anche in posti ben più salubri come Porretta Terme) può avere un bonus da duemila euro al cambio dell’auto, da investire nel trasporto pubblico per tutta la famiglia, per cinque anni; noi niente. Né le nostre città possono ottenere contributi mirati per gli scuolabus e il verde. Cosa ci resta? Gli sconti sui prodotti sfusi e le consegne a domicilio, misure pensate per tutt’Italia, o poco di più. E quest’aria…

Il testo del decreto è in bozza: è giusto parlarne e reclamare attenzione per il territorio. E l’attenzione della pattuglia dei parlamentari ferraresi.
Buona domenica.