Fissata la data delle Regionali: si vota domenica 26 gennaio

L'ufficializzazione al termine dell'incontro tra il Governatore Stefano Bonaccini e il Presidente della Corte d'Appello Giuseppe Colonna

E' ufficiale: le elezioni regionali si terranno domenica 26 gennaio. La data è stata resa nota oggi, lunedì 23 settembre, al termine dell'incontro tra il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini con il presidente della Corte d’Appello di Bologna, Giuseppe Colonna, durante il quale il Governatore ha proposto la giornata del voto. Il presidente Colonna ha convenuto sulla proposta che, nel rispetto dei tempi fissati dalle leggi, consentirà alla Regione di predisporre e approvare la legge di bilancio 2020-2022, assicurando così la piena funzionalità dell’Ente ed evitando l’esercizio provvisorio. Il decreto per la convocazione dei comizi elettorali sarà emanato successivamente, così come previsto dalle norme.

Immediata la reazione della Lega, a cominciare dalla candidata Lucia Borgonzoni:«Anche in Emilia Romagna, purtroppo, i giochi di palazzo hanno la precedenza rispetto agli interessi dei cittadini. Altro che legge di bilancio, quella di Bonaccini è solo una scusa: da parte sua e della sinistra nessun rispetto per gli elettori, tenuti in ostaggio per fare inciuci. Avevamo proposto il voto a novembre, naturale scadenza della legislatura, ma hanno fatto di tutto per restare attaccati alle poltrone ancora un paio di mesi: un insulto per i cittadini e il territorio, che da anni attendono risposte

"No ai giochini di palazzo del PD anche in Emilia Romagna. Si voti a Novembre, si voti il prima possibile per il bene di questa regione e dei suoi cittadini. Noi non abbiamo paura come Bonaccini che vuole votare l’anno prossimo: siamo pronti e tra la gente con Lucia Borgonzoni Presidente", dichiara il deputato Eugenio Zoffili, coordinatore della campagna elettorale della Lega in Emilia Romagna. "Vergogna! - aggiunge il coordinatore Lega Emilia Gianluca Vinci - Votare in Italia e in Emilia Romagna da qualcuno è considerato un male! Il Governatore PD Stefano Bonaccini ha deciso di prolungare l'agonia della sua Giunta per il tempo massimo che gli e consentito dalla legge! "

Bonaccini ha  poi replicato alla candidata leghista: "Visti i sondaggi, ai quali io non credo, forse ci sarebbe convenuto andare al voto il prima possibile, ma così permettiamo al prossimo presidente della Regione di governare da subito, con capacità di spesa e non in esercizio provvisorio".