Il “nastro rosa” in centro per la ricerca sul cancro