I punti del programma da finanziare

Il nuovo Bilancio dovrà reperire le risorse per la concreta realizzazione delle Linee Programmatiche di Mandato, le priorità che la nuova amministrazione si è data per la città di Ferrara. I punti sono 12 e riguardano il lavoro e l’economia locale, da rilanciare anche attraverso una più stretta collaborazione con l’università; la sicurezza, da potenziare anche attraverso sistemi tecnologici di ultima generazione e «con sistemi di controllo destinati alla prevenzione e al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, soprattutto nei pressi delle scuole»; la manutenzione degli spazi pubblici, per cui sarà necessario un «piano straordinario di manutenzione ordinaria della città che riduca il degrado; la famiglia, che comprende misure a favore degli anziani e miglioramento della sanità; le nuove generazioni, che il Comune si è impregnato ad assumere al suo interno, 100 entro il 2024; la città attrattiva; la città universitaria; la città identitaria; la città attiva, che significa dare importanza allo sport; la città sostenibile; la città semplice, con la sfida alla digitalizzazione; e la città futura, con l’elaborazione di un Piano strategico per i prossimi 20 anni, mobilitando le energie del territorio.