Mercato coperto, la fase 2 Restauro dopo un nuovo bando

Dopo lo stop dell’Anac al projet, il Comune al lavoro per sbloccare la situazione L’assessore Travagli: presto un incontro per trovare una rapida soluzione



Si torna a parlare della riqualificazione del mercato coperto di via Boccacanale di Santo Stefano. Il progetto precedentemente presentato per l’affidamento in concessione mediante projet financing con diritto di prelazione da parte del promotore, ha subìto lo scorso giugno un brusco stop. Tutto fermo e tutto da rifare a causa di una lettere dell’Anac, l’agenzia nazionale anticorruzione che ha posto alcune osservazioni al progetto. Le questioni sottolineate dall’Anac non sono vincolanti, ma i dirigenti del Comune che hanno in mano la pratica hanno preferito esaminare con attenzione tutte le osservazioni sollevate, tra l’altro arrivate in periodo di cambio di giunta.


La nuova fase

La questione della riqualificazione del mercato coperto ex Cofed è ora nell’agenda dell’assessore comunale al patrimonio e ai mercati Angela Travagli, che fa il punto della situazione.

«Proprio venerdì scorso - dichiara l’assessore Travagli - sono stata al mercato coperto per rendermi conto della situazione. È nostra intenzione esaminare il progetto di riqualificazione, prendendo anche in considerazione le osservazioni fatte dall’Anac. A novembre è in programma un incontro con il direttore generale e i funzionari degli assessorati di patrimonio e lavori pubblici per mettere a punto un bando che consenta di avviare il progetto per ristrutturare il mercato coperto. Ho incontrato in questi giorni anche alcuni commercianti che operano attualmente all’interno della struttura di via Santo Stefano».

I vincoli

La realizzazione del progetto di ristrutturazione prevede il rispetto delle caratteristiche architettoniche e funzionali dell’edificio esistente, con la conservazione degli elementi peculiari dell’immobile e il mantenimento della destinazione d’uso attuale, che quindi sarà commerciale al piano terra e con uffici al primo piano. È previsto l’adeguamento e l’ammodernamento di tutti gli elementi tecnologici con l’esecuzione di una serie di opere edili e impiantistiche, mirate anche al miglioramento dell’efficienza energetica dell’edificio e alla soluzione delle problematiche riguardanti la sicurezza antincendio.

Il projet

La precedente giunta comunale di Ferrara aveva dato il proprio assenso nel febbraio di quest’anno al progetto di fattibilità tecnico economico presentato dalla società “Giò Costruzioni” di Sanremo da porre a base di gara per la concessione della progettazione ed esecuzione degli interventi di recupero funzionale, riqualificazione e gestione del mercato coperto di via Santo Stefano. L’investimento complessivo previsto era interamente a carico della ditta proponente, è di 2.704.650 euro. Ora l’attuale giunta dovrà prendere in esame il progetto e creare le condizioni per un nuovo bando di gara. —