Nonna uccisa dal nipote: Luisa e Antonino lo perdonarono

La coppia non volle entrare nel processo per le estorsioni da parte del giovane. Il ragazzo fu ripreso in casa, il nonno al momento fa sapre di non aver intenzione di costituirsi parte civile

FERRARA. Prima lo avevano denunciato, poi lo avevano perdonato. Anzi, avevano anche chiesto di poter cancellare tutto: denunce e processi, ma non era più possibile, visto che per i ricatti che Pierpaolo Alessio imponeva ai nonni, si doveva procedere d’ufficio, i giudici erano obbligati a processarlo. E condannarlo.

Ma il processo in cui il nipote prese 3 anni di carcere, pendenti in appello, aveva visto i nonni sottoscrivere un atto in cui lo perdonavano. E adesso lo stesso nonno, Antonino Ganzaroli ha già fatto sapere al suo legale di allora, che per adesso non ha intenzione di far nulla, di costituirsi parte civile contro il nipote per aver ucciso la moglie, Maria Luisa Silvestri.

Lo speciale: tutti gli articoli e i video 

Del resto è ancora presto, siamo ancora in una fase dell’indagine aperta a tutto: per questo nonno Antonino ha confessato che non sa nemmeno lui cosa fare o non fare. Gli volevano bene, lui e la moglie, a quel nipote difficile. Tanto che dopo che nel luglio del 2018 la situazione divenne insostenibile, Pierpaolo Alessio venne arrestato per tentata estorsione. Da qui gli arresti domiciliari a casa della madre, a San Martino. E qui dopo i vari strascichi aveva ancora, vivendo nella frazione, l’obbligo di firma.

Misura cautelare che era scaduta a gennaio e a fine gennaio, Pierpaolo tornò a casa dei nonni. Che lo avevano prima denunciato e fatto processare. È in questa fase che gli stessi nonni firmano una dichiarazione da allegare agli atti, da presentare in tribunale dove il nipote è sotto processo per estorsione, che si sintetizza così: «Perdoniamo nostro nipote per quello che ha fatto».

Poi dal gennaio scorso, dopo il ritorno del nipote, non c’erano stati problemi gravi, a parte i litigi con continue urla, imprecazioni che i vicini sentivano in modo distinto dalla casa di via Vallelunga. Fino a mercoledì sera. –