Dopo la piena del Po grandi cumuli di tronchi e rami  sulle spiagge

Comacchio, vengono depositati sul litorale dal moto ondoso del mare e obbligheranno ad una massiccia opera di ripulitura prima delll'apertura della prossima stagione turistica

Dopo la piena del Po grandi cumuli di legna depositati dal mare sulle spiagge dei Lidi comacchiesi

LIDI COMACCHIESI. La grande piena del Po dei giorni scorsi ha scaricato in mare enormi quantità di legname che in queste ore, dopo che l'onda ha attraversato il territorio del delta, viene depositato sulle spiagge dal movimento del mare. Grandi cumuli di tronchi e di rami intrecciati sono già comparsi sul litorale e continuano a depositarsi rendendo indispensabile una massiccia opera di ripulitura prima dell'apertura della prossima stagione turistica.

Il Fiume Po, ecco le immagini della piena ripresa da vicino

Nei giorni scorsi il flusso è passato da Pontelagoscuro e ha raggiunto nel giro di poche ore le valli del basso ferrarese, scaricandosi poi in mare. Golene allagate, case "assediate" dall'acqua, protezione civile schierata, frotte di curiosi armati di telefonino, telecamere inviate dai tg, hanno composto lo scenario della diciannovesima piena dell'ultimo secolo. Il colmo ha raggiunto i 2,78 metri per poi abbassarsi in modo piuttosto veloce.

Non sono stati registrati particolari danni, mentre si sono presentati i tradizionali fontanazzi, in particolare nella zona di Berra e del Bondenese. La Rocca di Stellata è finita sott'acqua, come la società sportiva Canottieri. I pontili delle barche hanno dovuto essere assicurati alle sponde con grossi tiranti d'acciaio.