L'auto piomba nel cantiere, tragedia sfiorata a Casumaro

Scontro tra due macchine in via Correggio. La consulta insorge: «strada pericolosa». I cittadini: «Troppo traffico, servono riduttori di velocità»

CASUMARO. Pauroso incidente ieri mattina su via Correggio, in centro a Casumaro. Due auto si scontrano, una sfonda la recinzione che circonda la chiesa di San Lorenzo, ed entra nel cantiere. Sfiorati gli operai che stavano lavorando al recupero della chiesa. Lievemente ferito il giovane insegnante residente a Cento, alla guida della Ford, e danni importanti a entrambi i mezzi coinvolti, e tanto spavento per i cittadini presenti.

Incrocio a rischio

L’incidente, è occasione per i casumaresi e per la consulta civica del paese, per ribadire l’alta pericolosità di via Correggio, e in particolare all’incrocio con via Casumaro-Bondeno (Sp9), e la necessità di interventi urgenti da parte di Provincia e Comuni di Cento e Finale Emilia.



All’origine dello scontro, pare vi sia una mancata precedenza. Da una prima ricostruzione della dinamica, la Ford blu proveniente da Finale Emilia, arrivata all’altezza dell’incontro con semaforo ha svoltato a sinistra in direzione di Bondeno senza dare precedenza all’auto, condotta da una ragazza, che proveniva da Mirabello. Sul luogo, l’ambulanza del 118 che ha trasportato l’insegnante al pronto soccorso dell’ospedale di Cento, per lui la prognosi di un giorno, ma anche due pattuglie della municipale, una da Cento e l’altra da Finale Emilia

Tragedia sfiorata

«Si è sfiorata la tragedia – è il commento a caldo della presidente della consulta civica di Casumaro Francesca Caldarone e dei tanti casumaresi che hanno assistito all’incidente – l’auto si è fermata a un metro dagli operai che stanno lavorando al cantiere. Se fosse finita verso il bar, sarebbe stata una vera tragedia. Su questa strada c’è troppo traffico. Questo incrocio, al centro del paese, è troppo pericoloso, lo abbiamo detto da tempo. Senza interventi, queste sono le inevitabili conseguenze».

Un problema, quello della viabilità sulla Sp 468 da Casumaro a Reno Finalese, che la consulta, ha già più volte evidenziato e rimarcato, sollevato attraverso una petizione e al centro di un’interrogazione presentata in Regione dal capogruppo di Forza Italia Andrea Galli. «La pericolosità dell’incrocio – prosegue la presidente della consulta – è dovuta prima di tutto alla presenza del semaforo, posizionato dopo il sisma per alternare viabilità e traffico sotto al ponteggio di chiesa e campanile inagibili. A oggi, i lavori di recupero sono partiti e contiamo di avere al più presto la data indicativa in cui verrà tolto. La pericolosità dell’incrocio è dovuta anche all’eccessivo traffico che riversa nel nostro paese a causa dei divieti imposti da altri Comuni, che dirottano i mezzi pesanti verso Casumaro. I marciapiedi inoltre sono privi di protezione. Chiediamo che Casumaro possa finalmente tornare alla normalità con lo smontaggio del ponteggio e del semaforo, con strumenti che riducano la velocità». —

Beatrice Barberini

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.