L’Imu a Portomaggiore resta ferma al 2019, come i costi per i servizi. Al via lavori per 10 milioni

Nicola Minarelli, sindaco di Portomaggiore

Domani sera va in consiglio il bilancio di previsione. Il Comune chiude bene l’anno anche grazie ai finanziamenti che è riuscito ad ottenere

PORTOMAGGIORE. È tempo di bilancio anche per il Comune di Portomaggiore che, domani sera, vede come punto all’ordine del giorno in consiglio comunale l’approvazione del Bilancio di previsione finanziario 2020-2022. Ma quali sono le novità? «Non è previsto alcun aumento - dice soddisfatto il sindaco Nicola Minarelli - e già questo vista la situazione dei comuni in generale è già tanto».

Con la nuova Legge di bilancio 2020, arriva anche la nuova Imu, «ma noi non faremo alcun tipo di modifica - assicura il sindaco -, restiamo dunque fermi alle aliquote di quest’anno». Stesso discorso per i Servizi a domanda individuale, come il trasporto scolastico, la mensa e le rette del nido, «che vedranno un forte riduzione grazie al contributo della Regione visto che abbiamo aderito come amministrazione».


La manovra

Per quanto riguarda i fondi per strade, cultura, sicurezza, «abbiamo messo a bilancio le cifre registrare alla fine dell’anno, che superano le previsioni del 2019».

Buone prospettive, dunque, anche perché «tutti i contributi che abbiamo richiesto presentando progetti e quanto altro, sono andati a buon fine - fa sapere Minarelli -. Per la piscina avremo dunque un milione e 950mila euro. I lavori sono già partiti e vedranno la fine entro il 2020».

Non solo, «stiamo aprendo le buste per la gara relativa al Centro operativo comunale per un milione e 600mila euro. In questo caso i lavori sono previsti per il 2021, perché prima bisognerà intervenire sulla caserma dei vigili del fuoco con un costo di un milione e 300mila euro.

Buone notizie anche per il Teatro Concordia, con la progettazione già avviata ed un finanziamento ottenuto per 3milioni e 500mila euro. L’inizio del cantiere è per i primi mesi del 2021 e durerà all’incirca nove mesi.

Gli obiettivi

Si guarda per il prossimo anno anche all’urbanizzazione, con un nuovo sviluppo della zona del Persico, la quale vede in arrivo tre nuovi lotti con altrettante attività. Nel 2020 al via la ricostruzione della palestra di via Padova e 150mila euro per la biblioteca. In totale sono previsti lavori per dieci milioni e trecentomila euro. —

RIPRODUZIONE RISERVATA