Ferrara, appello disperato: «Aiuto, siamo madre e figlia e non abbiamo più una casa»

Interessamento dell’Associazione Cardiotrapiantati, la ragazza è invalida. «Ci basta una piccola stanza, in cambio i lavori nell’alloggio»

FERRARA. L’appello è stato raccolto dall’Associazione Cardiotrapiantati (Acti) di Ferrara che l’ha rilanciato con una lettera inviata ai giornali locali. «Sono due persone che si sono rivolte alla nostra associazione per motivi di salute - racconta il presidente, Filippo Lucca - In questo momento, ci hanno informato, non hanno un luogo dove alloggiare e quindi abbiamo pensato di aiutarle nella ricerca».

La coppia è formata da una donna sui 40/50 anni, di origini moldave, e dalla figlia di 18 anni che ha appena subito un intervento chirurgico importante all’aorta e dovrà sottoporsi ad una nuova operazione in futuro.


«Non sappiamo dove andare a dormire, dove rifugiarci - scrive la madre della ragazza - siamo fuori di casa senza possibilità di un riparo. Se qualche famiglia gentilmente potesse darci un tetto, a titolo provvisorio, per dormire al coperto, ne saremmo felici: ci basta una piccola stanza e in cambio sono disponibile a contraccambiare, eseguendo lavori di casa come pulizia e sistemazione domestica».

La soluzione che ha consentito loro di avere un domicilio non è più praticabile perché la famiglia che le ospitava deve utilizzare i locali per un altro scopo.

«Siamo in Italia da circa 10 anni - scrive ancora la donna - e siamo in regola con i documenti, sia io che mia figlia».

Un appello, sostenuto dall’Acti, è rivolto anche all’Acer, l’Azienda Casa di Ferrara, nel caso disponga «di appartamenti vuoti in città». L’istituto però difficilmente potrà rispondere velocemente alla richiesta perché per accedere alla procedura è necessario possedere requisiti ed essere inseriti in una graduatoria.

«La ragazza è invalida - sottolinea il presidente dell’Acti - si tratta di una situazione molto difficile che richiede una risposta tempestiva, addirittura immediata».

Per chi desiderasse rispondere alla richiesta o acquisire ulteriori informazioni sul caso è disponibile anche un numero di cellulare: 339/2339265. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA