Contenuto riservato agli abbonati

Nuovi autobus ecologici per il Ferrarese: la flotta di Tper si rinnova in un biennio

Previsti 16 Diesel Euro 6 per l’extraurbano nel 2020 e il prossimo anno 21 mezzi alimentati a metano liquido per la città

FERRARA. I vecchi autobus a gasolio verranno progressivamente rimpiazzati da nuovi mezzi ecologici. La flotta di Tper, anche nel comprensorio di Ferrara, si sta progressivamente rinnovando e nel prossimo biennio sono in arrivo nuovi mezzi, più funzionali all’utenza e anche in grado di inquinare dmeno l’ambiente, mai come in questo momento sotto la lente di ingrandimento dei controlli.

Quello dell’inquinamento è un elemento strategico per il rinnovo dei mezzi, sia per l’attuale emergenza che il Ferrarese, un po’ come tutta la pianura padana, sta attraversando a causa dei valori alti di polveri sottili.


I nuovi arrivi.  Come conferma l’Agenzia della mobilità di Ferrara, nel coso del 2020 nel bacino di Ferrara è previsto l’arrivo di 16 nuovi bus ecologici ibridi. Si tratta di mezzi diesel Euro 6 che verranno impiegati prevalentemente per il trasporto extraurbano. Nel corso del 2021 è previsto invece l’arrivo di 21 nuovi mezzi alimentati con metano liquido che andranno a potenziare ulteriormente il trasporto della città, eliminando così progressivamente tutti quei mezzi ormai obsoleti e soprattutto ad alto tasso di inquinamento. Ormai circa l’ 80% dei mezzi che girano in città ha caratteristiche ecologiche.

Mezzi ecologici. I nuovi bus che arriveranno in questo biennio a Ferrara vanno ad aggiungersi agli altri mezzi ecologici che negli ultimi anni sono entrati in dotazione alla flotta di Tper: 9 bus ibridi assegnati per l’extraurbano oltre a 12 ibridi urbani, ai 7 mezzi da 14 metri extraurbani, ai 12 mezzi crossway da 12 metri, già presenti da tre anni e attualmente in esercizio.

Un progressivo ammodernamento delle flotta con il pensionamento di quei mezzi che ormai sono da rottamare.

Lotta allo smog. Importante investimento innanzitutto per l’ambiente dal momento che i nuovi ibridi snodati entrati in servizio da qualche tempo e i 12 metri ibridi in esercizio a Ferrara dal 2017, come parimenti quelli che entreranno a brevissimo, hanno un innovativo sistema di abbattimento di ossidi d’azoto e una ridotta emissione di anidride carbonica: si stima una riduzione del 33% di CO2 (anidride carbonica) per km e del 40% di NOx (ossidi di azoto) per km rispetto al diesel.

«Gli investimenti - dichiara l’azienda trasporti territoriale - sono pienamente in linea con i “tre assi” indicati da Tper per il rinnovo flotte in chiave ambientale: ibrido, metano ed elettrico sono le scelte individuate in base alle diverse caratteristiche ed esigenze della rete di servizi nei differenti bacini». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA