Seggi elettorali aperti dalle 7 alle 23: si scelgono presidente e consiglieri

Ogni elettore ha a disposizione due scelte: per il candidato governatore e per la lista Si possono aggiungere fino a due preferenze, ma devono essere di sesso diverso 

FERRARA.  Seggi aperti oggi dalle 7 alle 23 in Emilia Romagna per le elezioni regionali, subito dopo partirà lo scrutinio. Sull’unica scheda, verde, l’elettore vota sia per il presidente sia per il consiglio regionale, con due scelte distinte.

Presidente e liste. Sono sette i candidati in corsa per la presidenza della Regione, quattordici le liste ammesse in provincia di Ferrara. Si può votare solo per la presidenza, facendo una croce su uno dei nomi stampati sulla scheda, o scegliere anche un partito, collegato o meno (voto disgiunto), tracciando una croce sul simbolo. Attenzione: chi sceglie solo il nome del presidente non vota per il consiglio, al contrario se un elettore si limita a fare una croce su un simbolo di lista, il suo voto sarà automaticamente esteso anche al presidente collegato. Per votare un presidente e una lista di schieramenti diversi, occorrerà invece tracciare due croci.


Non c’è il ballottaggio. Non è previsto il ballotaggio nel voto alle regionali. Viene eletto presidente il candidato che prende più voti. Il secondo candidato presidente in oridne di voti viene automaticamente eletto in consiglio regionale.

Preferenze. Chi vota una lista potrà anche esprimere una o due preferenze per il consiglio regionale, prestando attenzione che i due candidati siano di sesso diverso. Qualora venissero scritti due nomi di candidati dello stesso sesso il secondo verrebbe annullato.

Quanti consiglieri.  In totale verranno eletti 50 consiglieri regionali, 40 dei quali con metodo proporzionale e nove più il seggio del presidente attribuiti come premio di maggioranza al vincitore. Non saranno ammesse all’assegnazione dei seggi le liste che otterranno, su tutta la Regione, meno del 3% dei voti validi, a meno che non siano collegate a un candidato presidente capace di raggiungere almeno la soglia del 5%.

Come si va al seggio Gli elettori devono presentarsi ai seggi con carta d’identità e tessera elettorale che abbia ancora spazi disponibili. Se la tessera è stata smarrita o è deteriorata, o se tutti gli spazi sono esauriti, occorre rinnovare il documento. C’è possibilità di farlo anche nella giornata odierna con gli uffici elettorali dei Comuni aperti per l’intera durata delle votazioni.

Disabili. Gli elettori portatori di disabilità o fisicamente impediti nell’espressione del voto, infine, possono entrare in cabina con l’assistenza di un familiare o di un’altra persona liberamente scelta (purché goda dei diritti politici in Italia), muniti di un certificato medico che ne attesti la disabilità. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA