Preferenze a Ferrara: Zappaterra fa il pieno, Maresca a ruota, boom della Schlein

Alto gradimento per i candidati Pd ed Emilia-Romagna Coraggiosa. Nella Lega flop di Pettazzoni, spopola Bergamini. Malaguti (FdI) e Sgarbi (FI) sfiorano quota 500

FERRARA. Il capoluogo di provincia premia e boccia i candidati consiglieri. E "Miss preferenza" è Marcella Zappaterra (Pd), che stacca ampiamente tutti con 1.876 consensi personali. A ruota, sempre fra i dem, c'è Dario Maresca con 1.646, sale sul podio Elly Schlein di Emilia-Romagna Coraggiosa con 1.573. Nessun altro candidato supera quota mille, nemmeno si avvicina.

RIVOLUZIONE LEGA

Flop del consigliere uscente e capolista, boom del suo "vice". In casa Lega drean oltre la metà dei consensi il sindaco bondenese Fabio Bergamini con 799 preferenze, mentre il centese Marco Pettazzoni si ferma a 119: fa assai meglio Chiara Montori con 328, ne ha appena uno in meno (118) Veronica Negri.

Sempre nel campo di Lucia Borgonzoni, notevole il risultato di Mauro Malaguti (FdI), che strappa 492 consensi, ma anche quello di Vittorio Sgarbi (FI), che si attesta a 426.

Tra i civici di centrodestra, buon risultato dell'avvocato Giorgio Ferroni (217), che doppia il giornalista Riccardo Forni (106): non pervenuta la capolista Elisa Trombin, vicesindaco (ed ex sindaco) a Jolanda di Savoia, che si ferma a quota 44.

MOVIMENTO... LENTO

Il disastro del Movimento 5 Stelle si ripercuote anche sulle preferenze: il capolista Claudio Fochi non raggiunge... quota 100, fermandosi a 98, gli altri fanno peggio.

CENTROSINISTRA GRANDI NUMERI

In casa Partito democratico, detto di Zappaterra e Maresca, da rilveare che Simonetta Renga incassa 840 consensi, mentre il sindaco comacchiese Marco Fabbri si ferma a 576 ed è dunque ultimo del quartetto di candidati.

Tanti consensi anche per i candidati di Emilia-Romagna Coraggiosa: oltre all'ex europarlamentare capolista, incassano consensi in quantità anche il ferrarese Flavio Romani (ex presidente nazionale di Arcigay) con 404 preferenze, mentre Angela Alvisi si ferma a 289 e Leonardo Grassi a 229, comunque nella top ten dei preferiti.

Nella lista Bonaccini presidente, boom dell'avvocato Alberto Bova: 687 preferenze, lasciando agli altri le briciole.

Sfonda quota 100 Mario Zamorani di +Europa (109 per l'esattezza). –

© RIPRODUZIONE RISERVATA