Bergamini: mi batterò per l’agricoltura Il settore soffoca per colpa della burocrazia

Dopo le dimissioni il sindaco di Bondeno sarà sostituito dal vice Saletti. Poi le elezioni 

IL SINDACO/1

Arriverà in consiglio regionale con una dote di 71.144 voti pro Lega da parte dell’elettorato ferrarese e 2.537 preferenze personali. Fabio Bergamini, sindaco di Bondeno al secondo mandato, è pronto a «rappresentare in Emilia Romagna un territorio che ha dato alla Lega e a tutto il centrodestra grande fiducia. Una bella responsabilità che affronto con entusiasmo e con spirito costruttivo. Partiremo offrendo la massima collaborazione possibile, sono abituato a ragionare da amministratore, mettendo al centro i problemi concreti e restando aperto al dialogo. Ma sempre con un’opposizione senza sconti, se le promesse elettorali non saranno mantenute».


Fra i temi con cui vigilare con attenzione, quello delle infrastrutture, a cominciare dalla Circonvallazione Ovest, un’opera che interessa proprio il comune matildeo e per la quale la Regione ha garantito un finanziamento di 2,7 milioni di euro con progettazione a carico dell’amministrazione municipale. E poi il passante della Cispadana. «Tra le nostre priorità - prosegue Bergamini - ci sarà anche quella di ascoltare le richieste della costa, una zona in cui abbiamo avuto un risultato clamoroso e che conferma il bisogno di attenzione di un territorio che si è sentito emarginato e poco considerato. Sarà nostra cura portare in regione tempi importanti per il Basso Ferrarese, come la sanità, e il lavoro».

Tema centrale, ci tiene a sottolineare il neoconsigliere, resterà quello dell’agricoltura, «un settore fondamentale per il nostro territorio ma che è in crescente difficoltà a causa di una burocrazia opprimente. Una semplificazione non è più rinviabile e sarà uno dei miei impegni. Sarò a Verona a Fieragricola (oggi, ndr) accanto a Coldiretti mobilitata per chiedere misure di sostegno e indennizzo per i danni provocati dalla cimice asiatica. Così come sarò presente giovedì a Ferrara all’iniziativa di Agrinsieme».

L’elezione del sindaco in consiglio regionale comporterà una momentanea riorganizzazione dell’amministrazione comunale. Il mandato di Bergamini era comunque in scadenza, ma in attesa della prevista chiamata alle urne, sarà il vicesindaco Simone Saletti ad assumere le funzioni di primo cittadino. L’insediamento del nuovo consiglio regionale è previsto per la fine del mese di febbraio: «Resterò sindaco di Bondeno fino all’ultimo giorno - sottolinea Bergamini - poi il mio vice Saletti subentrerà come facente funzione». Lo stesso Saletti, civico, risulta essere tra i papabili come candidato sindaco: «Non c’è nulla di deciso - puntualizza Bergamini - quello della candidatura è un discorso su cui stiamo ancora ragionando». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA