La strada di campagna va al Consiglio di Stato