Occhiobello, il sindaco: controlli sul rispetto delle disposizioni

Per chi vìola le norme la sanzione è la sospensione dell'attività, sottolinea il primo cittadino

OCCHIOBELLO. Il sindaco di Occhiobello (Ro), Sondra Coizzi, alla luce del Dpcm dell’8 marzo, risponde alle numerose domande pervenute in municipio in queste ore sulle modalità di gestione delle attività come scuole di ballo, bar, locali.

«Dobbiamo attenerci all’articolo 2, lettere C ed E, che prevedono la sospensione delle attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse, sale bingo, discoteche e altri locali, come ad esempio i night club, ricordo che la sanzione è la sospensione dell’attività in caso di violazione - scrive il sindaco - Per quanto riguarda ristoranti e bar, rimane l’obbligo di fare osservare la distanza interpersonale di almeno un metro. La polizia locale ha già attivato i controlli per il rispetto delle misure indicate nel Dpcm».

«La biblioteca, luogo di cultura, dovrà restare nuovamente chiusa – aggiunge  il sindaco -, perché così è previsto alla lettera D, articolo 2 del Dpcm. Mi preme ringraziare tutte le società sportive, e sono tante, del nostro territorio che hanno, responsabilmente, sospeso attività e allenamenti per la salute dei ragazzi e di tutti i cittadini, ci siamo confrontati nei giorni scorsi e tutti abbiamo convenuto sull’opportunità di evitare l’assembramento di persone».