Abbandonano i rifiuti Scattano multe e denunce

Tre persone scoperte dalle guardie di Agriambiente nella zona del White Park Hanno anche violato le misure anti covid-19: interviene la polizia locale 

CENTO

Tre cittadini (due centesi e il terzo proveniente da altro comune) per abbandono di rifiuti, sono stati scoperti e multati. E denunciati per non aver rispettato le misure contro l’emergenza coronavirus. È il nuovo capitolo dell’attività della polizia locale di Cento per contrastare l’abbandono rifiuti.


Dopo la segnalazione di nuovi accumuli di rifiuti abbandonati nell’area commerciale del White Park fatta dal capogruppo di Libertà per Cento Marco Mattarelli, la polizia locale di Cento prosegue nell’attività di monitoraggio, in parallelo con i controlli del rispetto dei divieti e delle limitazioni imposti dai decreti del presidente del consiglio in merito all’emergenza coronavirus.

È grazie all’associazione Guardie particolari giurate Agriambiente Ferrara, con la quale il Comune ha una convenzione, che l’attività di controllo si è intensificato, anche nella zona retrostante il parco commerciale.

MULTE E DENUNCE

Ieri mattina le guardie di Agriambiente hanno intercettato tre persone che hanno abbandonato rifiuti nella zona: «A loro – spiega il comandante della polizia locale Fabrizio Balderi – sono state contestate le violazioni specifiche per l’abbandono e, a seguito dell’intervento degli agenti della polizia locale, che da giorni monitorano il territorio e gli esercizi commerciali, è stata inoltre contestata immediatamente anche la violazione dell’articolo 650 del codice penale in relazione all’emergenza coronavirus e al divieto di spostamento sul territorio, stante l’evidente assenza di un giustificato motivo».

Prosegue da parte degli agenti della polizia locale anche i controlli per l’emergenza coronavirus.

Inoltre da ieri, in base all’ordinanza 41 del 18 marzo 2020 del presidente della giunta regionale Bonaccini, sono chiusi anche a Cento parchi e giardini.

L’uso della bicicletta e lo spostamento a piedi sono consentiti esclusivamente per le motivazioni ammesse per gli spostamenti delle persone fisiche (lavoro, ragioni di salute o altre necessità come gli acquisti di generi alimentari).

CONTROLLI NEI PARCHI

Nel caso in cui la motivazione sia l’attività motoria (passeggiata per ragioni di salute) o l’uscita con l’animale di compagnia per le sue esigenze fisiologiche, si è obbligati a restare in prossimità della propria abitazione.

I controlli sono già in atto e anche in questo caso la sanzione è prevista dall’articolo 650 del codice penale.

A supporto della polizia locale, si sono affiancati i volontari dell’Associazione nazionale carabinieri, realtà convenzionata col Comune di Cento.

I volontari dell’Anc «sono attivi da oggi – prosegue Balderi – in qualità di assistenti civici. Attraverso la loro presenza giornaliera nelle aree pubbliche, e in particolare in prossimità di parchi e giardini pubblici, svolgeranno un’opera di informazione e sensibilizzazione, avvisando, se necessario, la polizia locale, in caso riscontrino circostanze di possibile violazione della normativa».

BEATRICE BARBERINI

© RIPRODUZIONE RISERVATA