Contenuto riservato agli abbonati

Bandi per la manutenzione a Unife, quattro gare da 2,15 milioni

Appalti in base alla tipologia di intervento, la scadenza del 6 aprile potrebbe slittare, la durata complessiva è biennale

FERRARA. Potrebbe slittare la scadenza per partecipare ai quattro bandi di gara promossi da Unife per i servizi di manutenzione negli edifici e palazzi universitari. A mezzogiorno di lunedì 6 aprile le aziende interessate devono presentare le offerte di adesione, ma con ogni probabilità, come conferma anche il direttore generale dell’Università di Ferrara Giuseppe Galvan, la scadenza verrà posticipata.

Ci sarà nei prossimi giorni un incontro a tale proposito per decidere la probabile proroga, anche per evitare che le gare vadano deserte e per consentire soprattutto agli interessati di effettuare anche all’occorrenza i necessari sopralluoghi e visto l’attuale situazione d’emergenza si profila una dilazione sulla scadenza dei termini. L’iter comunque va avanti anche perché è necessario trovare le imprese incaricate di questi interventi che sono necessari soprattutto in quelle strutture più antiche e che necessitano di maggiore manutenzione.


I quattro bandi

In base all’accordo quadro sono previsti quattro bandi per l’affidamento dei lavori di manutenzione, rifunzionalizzazione e adeguamento normativo negli edifici in gestione all’Università di Ferrara. Una volta firmati i contratti la durata dell’appalto sarà biennale. Secondo le previsioni quindi, a causa del probabile slittamento dell’iter, si arriverà ad assegnare i lavori dopo l’estate per arrivare verso gli ultimi mesi del 2022.

Le quattro gare hanno un importo complessivo di 2,150 milioni di euro ed il periodo minimo nel quale l’offerente è vincolato alla proprio offerta è di 180 giorni.

Il responsabile del procedimento è l’ingegner Giuseppe Galvan.

Le quattro gare di Unife, vedono un primo appalto per un totale di 1,1 milioni di euro che andrà a finanziari gli intervento di restauro e manutenzione degli edifici, quello più consistente.

Il secondo bando di 400mila euro, riguarda gli interventi di idraulica e quelli termici relativi agli impianti di riscaldamento o condizionatori d’aria.

Un terzo appalto riguarda l’affidamento del pronto intervento e la manutenzione degli impianti elettrici, telefonici o apparecchi elettronici per un importo complessivo di 350mila euro.

L’ultima gara prevede un appalto con base 300mila euro che riguarda gli interventi di edilizia di tipo manutentivo. Bandi le cui offerte dovranno essere presentate per via telematica da parte delle aziende interessate, suddivisi per tipologia. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA