Contenuto riservato agli abbonati

Ferrara, lotta alle zanzare: partenza anticipata. Piano antilarvale per arginare la minaccia

Cimarelli (Ferrara Tua): da lunedì prossimo si intensificheranno gli sfalci dell’erba e verrà estesa la disinfestazione

FERRARA. Le emergenze, come gli esami, sembrano non finire mai, specie in questo periodo. Mentre si sta lottando per arginare il contagio dall’epidemia di coronoavirus, spunta con la stagione più mite e i primi caldi un’altra problematica da non sottovalutare. L’arrivo e la proliferazione delle zanzare vanno infatti contenuti e combattuti con uno sforzo supplementare, alla luce anche della drammatica estate di due anni fa.

La tragica estate

Nel 2018, infatti a causa della West Nile, l’insidiosa febbre del Nile, morirono al Sant’Anna di Cona dieci persone. Un numero che rappresenta la metà dei morti in Emilia Romagna in quell’anno e un quarto in tutta Italia. Lo scorso anno la situazione, alla luce anche del tragico bilancio, è stata gestita come vera emergenza e i risultati sono stati positivi sia per il numero di zanzare in circolazione inferiori al 2018 e soprattutto arginando il pericolosissimo contagio da West Nile.

Il piano antilarvale

Quest’anno, complice anche il caldo di questi ultimi giorni, sono già tornate a circolare le zanzare, gli esperti dicono che sono di vecchia generazione e che si devono contenere le nuove, che per fortuna non hanno trovato terreno fertile anche per la mancanza di piogge negli ultimi mesi. Tuttavia è stato predisposto un piano preciso di contenimento e come annuncia Luca Cimarelli, amministratore unico di Ferrara Tua, la società investita dal problema, verrà anticipato con inizio il prossimo 20 aprile anziché all’inizio di maggio.

Ferrara Tua al lavoro

«Da lunedì prossimo - dichiara Cimarelli - in anticipo rispetto al programma consueto, ottenendo anche le deroghe per gli interventi lavorativi in piena emergenza coronavirus, prenderà il via il piano per il contenimento alla proliferazione delle zanzare su tutto il territorio comunale. Riprenderanno con più vigore, visto anche il periodo stagionale, gli sfalci per impedire lo sviluppo degli insetti tra l’erba alta e verranno anche spruzzate sostanze ad effetto insetticida. Il primo intervento lo farà Ferrara Tua passando per parchi e giardini pubblici. Quasi in contemporanea, l’Ati che gestisce il servizio provvederà a sanificare le 36mila caditoie sparse nell’intero territorio del Comune di Ferrara. Poi per metà Ferrara Tua e per metà gli addetti dell’Ati si provvederà a spruzzare insetticidi e bonificare dalla presenza di zanzare i 500 canali e corsi d’acqua sia della città che di tutto il forese. Siamo pronti quindi a partire». —