Contenuto riservato agli abbonati

Più impianti e un nuovo centro servizi: come diventerà la Cittadella dello Sport di Ferrara

Il progettista Mantero spiega le caratteristiche dell’intervento da 1,5 milioni di euro, per metà coperto dalla Regione

FERRARA. Più sport, più servizi, più impianti. È questa la filosofia che anima il nuovo progetto per la ricostruzione della Cittadella dello Sport nella zona di via Porta Catena.

Da anni si fa un gran parlare di questo conglomerato di attività vecchie e nuove che avranno un unico centro direzione.


In questi giorni il Comune di Ferrara ha provveduto ad affidare l’incarico ad un geologo, Thomas Veronese di Codigoro, per redigere la relazione geologica, sismica e geotecnica con tanto di sondaggi per la riqualificazione degli impianti e delle strutture della Cittadella dello Sport. È il primo passo per dare continuità ad un progetto esecutivo firmato dall’ingegner Franco Mantero che presenta novità, migliorie con nuove costruzioni tra impianti già esistenti.

Il progetto

È un intervento di riqualificazione per un importo di circa 1,5 milioni di euro e il Comune di Ferrara potrà beneficiare per metà di un contributo da parte della Regione con fondi mirati, come sottolinea il progettista Franco Mantero.

«Sarà effettuata una revisione delle varie strutture esistenti - dichiara l’ingegnere - con l’aggiunta di significative migliorie. Adesso ci troviamo di fronte a strutture autonome, divise con recinzioni. Queste barriere verranno tolte in modo da creare un unico grande spazio che coniughi sua l’attività sportiva negli impianti che la ricezione e i servizi. Nel nuovo velodromo verrà realizzato un nuovo impianto di illuminazione. Intervento anche nel pattinodromo che negli ultimi mesi è stato oggetto di migliorie e coperture. In questa struttura verranno ampliati gli spogliatoi. Verranno poi ricoperti con il gonfiabile un campo da calcetto e un campo coperto del tennis. Vista la grande richiesta del gioco del padel verranno anche realizzati due campi attrezzati per questa disciplina derivata dal tennis. Verrà costruita anche un nuova struttura che fungerà da reception e centro servizi, all’interno verrà realizzato anche un locale per la ristorazione e migliorie e ulteriori servizi igienici, oltre a spogliatoi e uffici amministrativi. Per quanto riguarda il campo scuola, in presenza di una pista d’atletica rifatta di recente, verrà installata una nuova illuminazione con lampade al led che farà più luce e consentirà un maggior risparmio energetico».

Sostenibilità ambientale

Proprio su questo fronte, Mantero tende a precisare che le nuove costruzione che verranno realizzate tenderanno tutti ad avere caratteristiche di sostenibilità ambientale. Le fonti di energia, arriveranno dalla geotermia e dall’uso di impianti fotovoltaici.

Ci sarà anche un sistema di raccolta dell’acqua piovana per essere riutilizzata e rimessa in circolo e consentire così un consistenti risparmio idrico e minori spese.

Gli impianti

La Cittadella dello Sport avrà quindi servizi più qualificati una volta che verrà ultimato questo progetto che dovrebbe andare a bando dopo l’estate e i lavori potrebbero iniziare, sempre se le condizioni dell’emergenza sanitaria in atto lo consentiranno, entro la fine dell’anno. Il campo scuola avrà una migliore illuminazione con una risistemata anche agli spogliatoi, copertura di un campo da tennis e di calcetto, più due nuove strutture per il padel.

La novità sarà il centro servizio che fungerà da raccordo tra tutti gli impianti. —

RIPRODUZIONE RISERVATA