«Al Sant'Anna tra i pazienti della rianimazione: qui la fragilità sorride solo con gli occhi»

Parla Cecilia Turrini, giovane anestesista del reparto intensivo dell’ospedale cittadino. Il dramma dell’assenza dei familiari