Contenuto riservato agli abbonati

Nuovi locali per battere la crisi. Ferrara e Lido Spina sono pronte

Nel giardino dello storico Palazzo Roverella aprirà un bar-ristorante per apericena in sicurezza. Sulla Romea l’ex American Graffiti diventerà Civico 37 fra carne alla griglia e hamburgeria 

FERRARA. A seguito della situazione creatasi a causa del coronavirus il futuro di molte attività commerciali è a rischio, in particolare quelle legate alla ristorazione o anche più semplicemente i bar, basti pensare al successo crescente in questi anni di aperitivi e apericene. Ebbene, c’è chi non ha alcuna intenzione di cedere al Covid-19, tanto da investire in nuove attività in location strategiche. Ecco due di questi esempi, nuovi locali le cui aperture sono fissate entro fine mese.

In centro a Ferrara


Partiamo da Ferrara, precisamente dal giardino del Roverella, magnifico palazzo di corso Giovecca, dove per mercoledì 27 maggio si prevede la serata inaugurale del nuovo locale chiamato proprio Palazzo Roverella. Al lavoro un gruppo di giovani della città, che hanno trovato il pieno appoggio di Giovanni Piepoli, il presidente del Circolo dei negozianti, che gestisce il palazzo. «Spazio e distanziamento restano le parole chiave anche di questa Fase 2 - dicono i giovani imprenditori ferraresi - e proprio da queste nasce il progetto Palazzo Roverella per l’estate 2020. Il giardino interno dell’edificio rinascimentale diventerà un vero e proprio locale ideale per aperitivi, per mangiare qualcosa o bere un cocktail dopo cena. Lo spazio c’è e la cornice è incantevole. La società avente in gestione il giardino interno, in accordo con il presidente Piepoli, ha deciso di aprire le porte del Palazzo tutti i giorni, dal mercoledì alla domenica, dalle 18 in poi».

Una sede suggestiva, in pieno centro storico, negli ultimi anni già conosciuta dai ferraresi più giovani per le serate “Fuoricorso”, aperitivi organizzati una volta alla settimana. Ora, invece, l’apertura è prevista cinque giorni, ovviamente senza l’aperitivo a buffet, ma «avendo la possibilità di poter usufruire di un ampio spazio, in cui il rispetto delle norme di distanziamento è sicuramente più facile da seguire. È questo che ha fin da subito convinto la società gestrice a creare un progetto all’interno di questa bellissima location en plein air. L’idea di aprire il palazzo tutti i giorni, a parte lunedì e martedì, nasce dalla volontà di spalmar la clientela nell’arco della settimana, evitando cosi gli assembramenti tipici nelle serate a cadenza settimanale. Non è poi cosi difficile immaginare un’estate diversa rispetto alle precedenti, in cui i classici periodi delle ferie e delle vacanze potranno subire notevoli cambiamenti. In definitiva, di fronte all’eventualità di un’estate in città, Palazzo Roverella risponde presente».

Le regole

L’allestimento del bar-ristorante è in corso. All’iniziale previsione di apertura mercoledì 3 giugno, considerata la riapertura dei locali già lunedì 18 maggio, ecco l’idea di anticipare l’inaugurazione di una settimana. Previsti circa 50-60 posti a sedere, partendo dalle 18 con l’aperitivo al tavolo e la possibilità di restare a cena. «L’ingresso ovviamente sarà contingentato. Il nostro obiettivo è dare un’alternativa sicura e decisamente confortevole a quanti usciranno in cerca di un bel posto all’aperto, comodo e rilassante. Certamente il ballo e l’assembramento non ci saranno, ma la versatilità e la bellezza di questa cornice all’aria aperta speriamo possano sopperire». Le info aggiornate sulla pagina Facebook “Palazzo Roverella”.

Sulla Romea a Spina

L’altro locale che inaugura a breve si chiama Civico 37, situato al posto dell’American Graffiti a Lido Spina, sulla statale Romea al numero... 37. Un po’ di anni ’50 rimarrà con un ampio spazio hamburgeria, ma il vero punto di forza sarà la carne cotta alla griglia a vista. «L’idea è che i clienti scelgano la carne fresca e questa verrà cotta sul momento». A parlare è Marco Tarantino, ex calciatore e ora allenatore noto per aver lavorato in molti locali, dalle discoteche in città ai più famosi street bar di Spina.

Marco Tarantino


Proprietari del locale sono gli imprenditori Ferroni, che hanno deciso di prendere le redini anche della ristorazione, con una proposta diversa dal solito ai Lidi, dove primeggiano ristoranti di pesce o piadinerie. Ai tempi del coronavirus nei locali la parola d’ordine è distanziamento, ma al Civico 37 non ci saranno problemi: «Ci sono 800 metri quadrati interni e altri 2.000 esterni. Dentro rimarrà parte del locale precedente, ma aggiungeremo un ’area solo per chi vuole hamburger e un’altra con juke box stile “Happy days” e musicata data. Fuori avremo 50 posti a sedere, ma in una cornice speciale con tutti gli alberi illuminati. Chiaro, l’obiettivo è un ambiente dove si mescolano cucina e intrattenimento, penso a certi locali di Milano Marittima o nel Salento (sua terra d’origine; ndr), ma al momento questo non è consentito».

Inaugurazione prevista sabato 30 maggio, ristorante aperto solo di sera. —

Davide Bonesi

© RIPRODUZIONE RISERVATA