Contenuto riservato agli abbonati

Portoverrara, muore a 46 anni dopo l'incidente

L’uomo ha perso il controllo dell’auto in una strada bianca. Deceduto nella notte tra lunedì e martedì al Maggiore di Bologna

PORTOVERRARA. Mauro Battistini, 46enne portuense uscito di strada domenica con la propria auto, non ce l'ha fatta. L'uomo è deceduto nella notte tra lunedì 18 e martedì 19 maggio all'ospedale Maggiore di Bologna.

Ha fatto tutto da solo, uscendo di strada - attorno all’una della notte di domenica - con la propria auto furgonata, la quale è uscita dalla carreggiata e si è cappottato nella canalina che costeggia la strada bianca esterna Paglioni, nella frazione di Portoverrara. Il veicolo coinvolto, fra l’altro, ha riportato pochi danni però i soccorritori hanno trovato l’uomo così, sbalzato fuori e finito per incastrarsi proprio sotto al suo mezzo, incapace di liberarsi ma ancora cosciente per tutto il periodo dei soccorsi ricevuti. Ad estrarlo da sotto il veicolo sono stati i vigili del fuoco del distaccamento di Portomaggiore, arrivati immediatamente sul posto. È stato un lavoro piuttosto lungo per i pompieri, che alla fine sono riusciti a liberare il 46enne di Portomaggiore. Soltanto che l’uomo, una volta liberato, è andato in arresto cardiaco una prima volta e sono stati proprio i vigili del fuoco ad iniziare il massaggio cardiaco, mentre da Argenta era arrivata l’ambulanza con il medico a bordo.

I SOCCORSI

Il ferito è stato quindi preso in carico dai sanitari, i quali hanno proseguito le manovre di rianimazione, perché il 46enne veniva colpito da altri arresti cardiaci in sequenza, mentre veniva anche allertato l’elisoccorso dall’ospedale Maggiore Bologna. Una volta stabilizzato, il paziente è stato trasferito in ambulanza al campo sportivo di Portomaggiore, luogo d’atterraggio notturno dell’elimedica: l’uomo è stato quindi caricato sul velivolo e subito ripartito alla volta di Bologna, destinazione proprio l’ospedale Maggiore. E qui il portuense è stato ricoverato in gravi condizioni nel reparto di rianimazione ma, purtroppo, non ce l'ha fatta. E' spirato nella notte.

Sul posto l’altra notte sono andati anche i carabinieri della stazione di Argenta, ai quali è stata affidata la ricostruzione della dinamica dell’incidente: a quanto pare, però, non ci sarebbero altri veicoli o persone coinvolte, il 46enne avrebbe fatto tutto da solo. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA.