Ferrara, già approvate 72 richieste per ampliamento dehors

Il Comune esulta: in cinque giorni fatto tantissimo

FERRARA. Sono già 72, a Ferrara, le richieste che «hanno avuto il nullaosta del Comune di Ferrara per procedere all'ampliamento delle aree dove collocare i posti a sedere per i clienti di bar, pub e ristoranti o attività artigianali di produzione alimentare». A fare il punto su come sta procedendo l'operazione di riorganizzazione dei dehors sono l'assessore alle attività produttive, angela travagli, e quello al commercio e al turismo, matteo fornasini. Complessivamente, fa sapere l'amministrazione, sono 169 le richieste fatte finora, e ad oggi, spiega travagli, il Comune ha già dato 120 pareri favorevoli, tra cui i 72 nulla osta e altre 48 richieste «per le quali sono necessarie indicazioni ulteriori di cui i locali dovranno tener conto per poter ampliare lo spazio a disposizione dei clienti nel rispetto della sicurezza stradale, del passaggio dei mezzi di soccorso e dell'accessibilità per le persone disabili».

Un risultato per il quale l'assessore esprime «grande soddisfazione, perchè siamo riusciti a togliere tutta la burocrazia, mettendo a disposizione una procedura snella e semplice». travagli ringrazia, inoltre, gli uffici comunali delle attività produttive e della viabilità, che si sono adoperati per fare i sopralluoghi «con grande solerzia, in modo da potere dare il via libera a tutto ciò che è fattibile nel minor tempo possibile e per trovare alternative nelle situazioni più complicate». anche fornasini si dice «contento» per una «risposta importante alle imprese, visto che in cinque giorni (dalla chiusura dei termini per le richieste il 23 maggio fino a oggi) sono state lavorate oltre il 70% delle richieste». Un risultato «particolarmente soddisfacente, pensando che questo weekend sarà molto significativo per la città anche come primo momento di prova e di rilancio turistico».