Arena estiva a Ferrara, Arci: «Ancora in alto mare»

Si aspettano le disposizioni ma rimangono incertezze sulla fattibilità economica. Naufraga definitivamente il progetto “Drive In”

FERRARA. «Arena estiva a Parco Pareschi? Al momento siamo ancora in alto mare». Non fa tanti giri di parole, Alice Bolognesi, presidente dell’Arci e organizzatrice anche negli anni passati della rassegna di cinema all’aperto. Quest’anno con la pandemia da Covid tutto è diventato estremamente più difficili specie per chi deve organizzare gli spettacoli.

LA PRESIDENTE ARCI


«Prima di sbilanciarsi in ipotesi di apertura - dichiara Bolognesi - bisognerà capire ancora bene le normative e le restrizioni che occorrerà adottare per avviare questo genere di attività. Il nodo, e probabilmente spero venga svelato in prossimità dell’apertura dei cinema annunciata per lunedì 15 giugno, resta quella della capienza. Non conosciamo ancora quanto posti bisognerà contare. Se a questo aggiungiamo tutta una serie di vincoli e problematiche, occorrerà valutare anche l’effettiva fattibilità economica dell’operazione».

La presidente Bolognesi non solo pone l’accento sui minori incassi che per forza di cose ci saranno quest’anno dovendo limitare la capienza del pubblico osservando le norme del distanziamento, ma anche sui punti interrogativi che sussistono sull’effettiva programmazione. Se a questo ci si aggiunge che spettacoli all’aperto in estate sono sempre in balia del tempo, il rischio di impresa quest’anno per l’arena cinematografica è particolarmente elevato. Nelle prossime settimane potrebbe esserci qualche schiarita.

CONTRIBUTO DEL COMUNE

Dal canto suo anche il sindaco di Ferrara, Alan Fabbri, si è detto disponibile a dare un contributo per avviare l’attività dell’arena cinematografica, in quanto si tratto di un servizio dato ai cittadini.

DRIVE IN

Se al momento si è in attesa di una decisione per l’Arena, l’Arci Ferrara ha comunque escluso di realizzare un progetto “Drive In” in città che era stato ipotizzato in un primo tempo. —

Gian Pietro Zerbini

© RIPRODUZIONE RISERVATA