I Lidi fanno il pieno, il sindaco: "Nuovo piano sicurezza per le spiagge libere"

Porto Garibaldi, ferraresi in gita: tornano le code in super e al mare

PORTO GARIBALDI. Romea e parcheggi pieni a Porto Garibaldi, Lido Estensi e Lido Nazioni, tanto da sembrare immagini di repertorio se non fosse per le mascherine, che restano obbligatorie nei luoghi al chiuso e sulla spiaggia nei punti "comuni". E mentre negli stabilimenti balnerai la situazione resta soto controllo e l'organizzazione sembra molto buona le spiagge libere sono al limite. Da domani, 3 giugno, con la rispertura delle regioni, e dopo la chiusura definitiva della didatica online, ci si aspetta la grande ondata dei propriatri delle seconde case che arriveranno ad aprire e resteranno poi per tutta l'estate e nel fine settimana l'arrivo di coloro che stanno in città e programmano la giornata (con annessa serata) al mare. Il 2 giugno i ferraresi l'hanno passato in riva al mare, chi c'è arrivato per tempo e chi dopo qualche ora di coda in super strada o all'uscita a Porto Garinaldi.

Resta il nodo delle spiagge libere, capire come rendere efficace il monitoraggio. "Lo spazio che resta libero non è tanto. La cartellonistica – spiega il sindaco di Comacchio Denis Fantinuoli – è già stata posizionata, ma non siamo convinti possa bastare. Ecco perché stiamo predisponendo un piano che prevede l’impiego degli ausiliari del traffico il cui compito sarà quello di dare informazioni e supporto a chi arriva sulle spiagge libere e nel caso di troppo caos verranno in suporto le forze dell’ordine”.