Contenuto riservato agli abbonati

Voghiera. Ragazzini nel mirino: spaventano i cani gettando dei petardi

Sotto accusa alcuni giovani del paese e non è il primo caso. L’appello dei proprietari: «Adesso basta, stiamo male tutti» 

VOGHIERA.  La chiusura prolungata delle scuole e il non sapere cosa fare tutto il giorno, certamente sta facendo molto male ad alcuni ragazzini. E se a Portoverrara sfidano le auto in transito sdraiandosi sulla strada, a Voghiera il “divertimento” pare essere quello di spaventare dei poveri cani tirando dei petardi all’interno del cortile di una casa. Tanto che i proprietari, esasperati, hanno lanciato un appello per non vedersi costretti a muoversi diversamente.

L’appello

«Mi rivolgo a tutti coloro che abitano a Voghiera e dintorni – dice la proprietaria dei cani –. Vi racconto una storia un po’ brutta: il 31 ottobre 2019 qualche bravo figliolo ha deciso di festeggiare Halloween tirando un petardo nel nostro cortile quasi addosso al nostro cane, spaventandolo molto. Passato l’inverno e passato il lockdown, il nuovo sport di alcuni ragazzini è passare davanti a casa mia e fare dei dispetti al nostro povero Pepe, che ora ha crisi di panico ogni volta che li sente passare. L’ultima l’altra sera». E ancora, «non so chi siano i benefattori in oggetto ma vorrei che la cosa finisse al più presto».

L’esasperazione

A quanto pare, la bravata di una sera è diventata una costante trasformandosi in un “gioco” inaccettabile e pericoloso. «Sapete benissimo chi siamo e chi sono i nostri cani, perciò se dovesse venirvi in mente di fare qualche altra bravata, sappiate che potreste trovarmi alla finestra». E le parole che seguono ben descrivono lo stato d’ansia e di angoscia della famiglia: «Finitela perché fate stare molto male loro e anche noi, che li guardiamo soffrire senza poter fare nulla. Pregherei di far girare questa storia e di spiegare, in caso non fosse stato fatto in precedenza, che si porta rispetto anche agli animali, che sono comunque più umani di certe persone» La speranza è che la cosa finisca il prima possibile «altrimenti vi sguazzo con la pompa che è lunga e in strada ci arriva...».

Il precedente

Intanto, i carabinieri stanno lavorando anche sul caso di Portoverrara. Qui un gruppetto di giovanissimi si diverte, generalmente alla sera verso le 22.30, a ballare in mezzo alla strada e a scappare il più tardi possibile all’arrivo delle auto, con gli automobilisti che se li trovano praticamente davanti. I carabinieri hanno inviato a denunciare e a segnalare ogni episodio di questo tipo come anche quello che vede coinvolta la famiglia di Voghiera. —

Annarita Bova

© RIPRODUZIONE RISERVATA.