Cinque nuovi positivi nel Ferrarese, due sono collegati al focolaio della Brt

Si tratta di familiari di un addetto centese dell’azienda. Ora la comunità pachistana di Cento è sotto osservazione

FERRARA. Cinque nuovi positivi nel Ferrarese sono una “punta” non così frequente nelle ultime settimane, ma la circostanza che fa impennare l’attenzione è la situazione del comune di Cento. Quattro contagiati sono infatti centesi e due di loro risultano collegati direttamente al focolaio bolognese della ditta di trasporti Brt. Si tratta di familiari di un addetto pachistano dell’azienda, a sua volta trovato positivo nei giorni scorsi con i controlli a tappeto svolti dall’Asl di Bologna. A questo punto toccherà al Dipartimento di sanità pubblica di Ferrara mettersi in moto per perimetrare il contagio nella consistente comunità pachistana centese, che la famiglia contagiata risulta frequentare con regolarità. Per ora non è partita una campagna di test a tappeto, perché risulta un solo tampone centese in attesa di esito, mentre sono stati sei quelli negativi comunicati ieri.

GLI ALTRI POSITIVI


Da valutare anche la situazione collegata agli altri due positivi di Cento: si tratta di marito e moglie di mezza età, che presentavano sintomi lievi e quindi sono stati tamponati. Le prime indagini non hanno consentito di individuare con certezza la fonte del contagio, e del resto, come aveva evidenziato qualche giorno fa Giuseppe Cosenza (Asl), con il ritorno ormai alla piena vita sociale e l’abbassamento evidente della guardia nei confronti del Covid, le occasioni si moltiplicano. Da segnalare che all’ospedale di Cento c’è stato anche un ricovero sospetto, su otto complessivi a livello provinciale. Il quinto positivo di giornata è residente a Ferrara, scovato tra 32 tamponi. Per effetto di questa contabilità sono risaliti a 68 gli attualmente positivi in provincia, 20 dei quali a Codigoro (15 nel capoluogo, 10 a Cento e appena 6 ad Argenta).

NESSUN DECESSO

Non ci sono stati decessi Covid. In isolamento domiciliare sono entrate 14 persone, 10 delle quali a Ferrara (3 a Cento e 1 a Bondeno), una sola in sorveglianza telefonica, a Portomaggiore. Sono uscite dalla sorveglianza e dall’isolamento 12 persone, 6 delle quali a Comacchio (4 a Ferrara, 1 a testa a Copparo e Lagosanto). Non ci sono guariti di giornata, cioè persone con il doppio tampone negativo, né dimessi dagli ospedali Covid. A Cona resta vuota la Terapia intensiva Covid e anche il reparto Covid sospetti 1 vede solo due letti occupati dei dodici disponibili, mentre Covid Pneumo ha un indice di occupazione del 62,50%. Al Delta l’unico reparto Covid rimasto vede 11 posti occupati e 9 liberi. Per quanto riguarda il personale sanitario, dell’intera Asl è rimasto un solo positivo mentre a Cona ce ne sono due, uno dei quali, un medico, da molto tempo. —

stefano ciervo

© RIPRODUZIONE RISERVATA