Le aziende agricole chiedono sostegno «L’annata è pessima Ci serve liquidità»

Il Comune ha incontrato le associazioni e promette ascolto Oltre alla tassazione, il tema della lotta alla fauna selvatica

COPPARO

Maggiore liquidità, minore tassazione e sostegno sulle problematiche più stringenti, come la lotta alla fauna selvatica.


Sono questi i temi salienti che sono emersi durante il Tavolo dell’Economia, al quale sono stati invitati nei giorni scorsi i rappresentanti delle attività agricole locali dal sindaco Fabrizio Pagnoni, affiancato in questa circostanza dall’assessore al Bilancio Simone Grandi.

«Questi incontri vogliono avere un taglio tecnico e pragmatico – ha introdotto il primo cittadino copparese –. L’obiettivo è cercare di mettere a fuoco la situazione attuale, capire quali prospettive si abbiano per i prossimi mesi e quali le richieste».

LA VOCE DELLE IMPRESE

«Venivamo da un 2019 disastroso, anche in assenza di Covid, e questa annata agraria era già partita male per le gelate di cui hanno risentito i frutteti – ha analizzato Leonardo Bentivoglio, responsabile economico di Confederazione Italiana Agricoltori Ferrara –. Ora gli agricoltori, che lamentano carenza di liquidità, si aspettano contributi a fondo perduto e minore pressione fiscale».

Sul periodo dell’emergenza sanitaria si è soffermato Paolo Cavalcoli, direttore di Confagricoltura Ferrara. «Il settore non si è mai fermato, se non in alcuni comparti – ha riferito –. Ne hanno risentito in particolare le aziende agrituristiche, floricole e florovivaistiche, zootecniche, quelle che si occupano di manutenzione del verde e della raccolta, disidratazione ed esportazione di erba medica».

«Chiediamo interventi che possano portare reale sostegno – ha rimarcato il segretario di zona Coldiretti Paolo Ferrozzi –. Non una scontistica sugli investimenti, ma, ad esempio, quanto promesso a più riprese come i fondi regionali per far fronte ai danni della cimice asiatica. Inoltre, rileviamo un problema bancario, con gli istituti di credito concentrati sull’emergenza e poco reattivi sull’ordinario».

Tutte le associazioni di categoria si sono dette concordi sulla necessità di affrontare i problemi derivanti dalla fauna selvatica, giudicando invece di minor impatto quest’anno i temi della siccità e del personale stagionale.

COESIONE DA PROSEGUIRE

«Teniamo che questi incontri proseguano per condividere le azioni a favore del nostro territorio, a vocazione eminentemente agricola – hanno concluso con queste parole il sindaco Pagnoni e l’assessore Grandi –. Insieme studieremo e attueremo le iniziative di sostegno al settore, facendo anche sponda sulle problematiche legate alla pandemia». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA