Dosso, tragedia in gita: muore mentre pesca sotto gli occhi di moglie e figlie

Macellaio di Dosso ucciso da un malore: aveva 58 anni. Era al lago Pontevecchio, sull’Appennino modenese  

PAVULLO (MODENA). Doveva essere una domenica di pesca per Gianni “Vanni” Govoni, di Dosso, salito con la moglie e le due figlie, al lago Pontevecchio ad Olina di Pavullo, sull’Appennino modenese. L’uomo, che aveva 58 anni, è stato colpito da un malore che gli è stato fatale proprio mentre stava pescando dal bordo dello specchio d’acqua. Erano circa le 15 quando sono scattati i soccorsi. Ad avvertire il 118 ci hanno pensato i titolari dell’attività che è incentrata sulla pesca sportiva. Sul posto sono intervenute un’ambulanza e l’automedica del 118. Dalla vicina Pavullo, considerata la condizione critica del 58enne, si è alzato in volo anche l’elicottero che in pochi minuti è atterrato nella zona del lago. Purtroppo, però, l’intervento dei sanitari non ha potuto salvare Govoni.

LA TRAGEDIA

Vanni Govoni, norcino provetto e macellaio di fiducia alla macelleria Bandini di Cento era anche volontario di Sant’Agostino Soccorso e socio del Vespa Club Ferrara. Vanni era partito ieri mattina da Dosso con la famiglia - la moglie , le due figlie e il fidanzato della maggiore - per andare a pescare nel laghetto di Olina, dove sarebbero andati anche gli amici dell’associazione Asdp Dall’Angela, di Corporeno. Le due comitive sono arrivate sul posto in momenti diversi e non si sono incrociate, scegliendo come zona per la pesca ciascuna uno dei due diversi laghetti della struttura per la pesca sportiva.

La giornata sembrava trascorrere tranquilla quando all’improvviso Govoni si è accasciato sulla sponda, finendo poi nelle acque del laghetto e rimanendo a galla. I soccorsi sono stati immediati, richiamati dalle grida dei familiari. E mentre veniva dato l’allarme al 118, il barista del locale di servizio ai laghetti ha attivato le manovre di rianimazione. In breve sul posto sono arrivate ambulanza, automedica ed elisoccorso, ma purtroppo per il 58enne dossese non c’era più nulla da fare.

AMICI ADDOLORATI

Richiamati dall’arrivo dei mezzi di soccorso, si sono portati sul luogo della tragedia anche gli amici dell’Asd Dall’Angela, che stavano pescando nell’altro laghetto. Grandissima la commozione e il cordoglio da parte di tutti gli amici pescatori, che seppur sconvolti dall’accaduti hanno cercato di portare conforto alla moglie e alle figlie. Un cordoglio accentuato dalle tante qualità di Govoni, dipinto da tutti come persona sempre disponibile, pronta ad aiutare gli altri, oltre alla sua bravura come norcino. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA .