Emergenza abitazioni a Ferrara, metà delle domande sono state scartate

In Comune 562 richieste, 260 ammesse e 99 in “riserva”. In agosto i pagamenti per i 135 universitari in difficoltà

FERRARA. Sul tema degli affitti in seguito all’emergenza sanitaria «il primo approccio – diceva ieri in commissione l’assessore Cristina Coletti – è stato rivolto al mondo universitario: abbiamo ottenuto da parte della Regione la possibilità di usare fondi residui risalenti al 2012 nati per altre finalità per la creazione di un bando che desse una risposta agli studenti». A disposizione dei quali, indirettamente visto che i beneficiari saranno i proprietari delle abitazioni, ci sono ora 36mila euro: sono arrivare in tutto 135 domande e i pagamenti partiranno ad agosto.

Per quanto riguarda il sostegno alle famiglie, invece, l’emergenza «ha fatto sì – diceva Coletti – che si fosse più tempestivi nell’erogazione del Fondo Affitti 2019 e nel Fondo morosità incolpevole», che riguarda però quanti avevano fatto domanda prima dell’emergenza sanitaria.


Alle famiglie che si fossero trovare in difficoltà dopo pensava invece Francesco Colaiacovo (Pd): «C’è il contributo erogato dalla Regione di 470mila euro che dovrebbe sostenere gli inquilini in difficoltà – diceva il consigliere – ma anche il Comune avrebbe potuto coprire l’emergenza: l’ha fatto con le imprese ma ha trascurato il mondo delle famiglie». Colaiacovo lamentava anche il mancato confronto con la minoranza nella gestione della crisi («il Consiglio aveva approvato una risoluzione per questo ») e la mancata convocazione, ieri in commissione, dei sindacati, «quei soggetti esterni che possono fare proposte proprio perché si relazionano con queste problematiche» emerse ai Tavoli, diceva peraltro il consigliere, «come riportato anche nella relazione sugli affitti fornita dall’assessore».

In vista c’è però il recupero degli alloggi Erp: la Regione ha destinato infatti alla manutenzione delle case popolari 10 milioni da ripartire fra i Comuni contestualmente all’emanazione di un bando specifico per la realizzazione degli interventi. E ieri intanto dalla relazione sulle tematiche abitative sono emersi anche i dati sui fondi Affitti e Morosità incolpevole 2019: per il primo, che ha messo in campo 733mila euro, «sono arrivate 562 domande – diceva l’assessore – di cui 260 ammesse e 99 ammesse con riserva»; sono invece a disposizione 161mila euro per Fondo Morosità incolpevole. —

giovanna corrieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA