Ferrara, riqualificazione della zona Darsena: assegnato l’appalto da 800mila euro

Un’azienda reggiana realizzerà il progetto di recupero. Magnani: si prosegue anche con il piano delle demolizioni

FERRARA.  Una ditta reggiana di Castelnovo ne’ Monti si è aggiudicata l’appalto di uno degli interventi di riqualificazione inserito nel complesso Piano Periferie. Un progetto che ha portato a Ferrara 18 milioni di contributi dello stato per realizzare la rigenerazione urbana di un’area che è di cerniera tra il Volano, la zona Gad e il centro storico della città.

L’intervento. La riqualificazione di via Darsena (circa 800mila euro) riguarda la sistemazione non solo dell’arteria stradale, ma anche la realizzazione di una pista ciclabile e di creare un più qualificato impianto urbanistico della zona della darsena che costeggia il fiume Volano. Il cantiere, superata la fase di procedura burocratica di assegnazione, dovrebbe essere pronto a partire per l’autunno. In questo modo la Darsena di Ferrara avrà un doppio intervento di recupero e di riqualificazione.


Il dragaggio della regione.  Da un lato c’è l’articolato progetto della regione Emilia Romagna che ha già stanziato 7 milioni di euro per dragare il volano in prossimità della Darsena e garantire una migliore pulizia dell’acqua del fiume. E se il bacino fluviale è di competenza della Regione Emilia Romagna, la sponda e le aree terrestri che lambiscono il Volano spettano al Comune di Ferrara che proprio con questo intervento che dovrà ulteriormente riqualificare un’area che necessità di una vera riqualificazione.

Il bando periferie.  Nel complesso il bando periferie è composta da 12 interventi con finanziamento del ministero dato al Comune di Ferrara per un totale di 18 milioni di euro. I dodici progetti sono: demolizione ex Mof e Darsena: 1.300.000 euro, relativa bonifica dell’area:550.000 euro, spesa per la realizzazione di reti e sottoservizi: 800.000 euro; riqualificazione dell’area Darsena: 1.350.000 euro, parcheggio interrato ex Mof: 5.000.000 euro, parcheggio ex Pisa: 2.000.000 euro, area verde ex Camilli: 500.000 euro, riqualificazione di via Darsena 3.000.000, varco nelle Mura: 1.000.000 euro; riqualificazione primo tratto di via Piangipane: 1.000.000 euro, accessibilità e percorsi ciclopedonali dal Mesi verso il centro storico e il quartiere ebraico: 600.000, percorsi turistico commerciali dalla stazione al sistema delle piazze centrali 900.000 euro.

Opere di demolizioni. Il Piano periferie, nonostante l’intoppo del parcheggio multipiano del quale si sta cercando una soluzione alternativa e sostitutiva, sta andando avanti come conferma il dirigente comunale all’urbanistica Fabrizio Magnani.

«Il progetto del Piano periferie prosegue - afferma - stiamo già ultimando le demolizioni programmate dei vecchi edifici per poter realizzare i progetti di riqualificazione. La situazione procede bene». —


 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi