Contenuto riservato agli abbonati

«Il mio pc bloccato da un hacker»: pensionato di Portomaggiore truffato mentre naviga

L’uomo fa acquisti sul web e arriva l’amara sorpresa: nessuno può fare nulla 

PORTOMAGGIORE. «Per tenermi in movimento faccio piccoli lavori personali per hobby e acquisto le attrezzature elettriche ed elettroniche nell’azienda per acquisti online di Aliexpress.com. Sono 7 mesi che in mezzo ai fornitori cinesi di attrezzature nei contatti chat si è inserito in un hacker, che prima si è spacciato fornitore per chiedermi denaro, poi da quando ho capito che era una truffa mi ha bloccato il pc e così ogni volta che entro in rete appare il suo messaggio nel quale mi chiede soldi per sbloccare il pc».

A raccontare questa vicenda è Claudio Vacchi, metalmeccanico in pensione di Portomaggiore con la passione per i lavori manuali. Peccato che l’hobby in questi ultimi mesi sia diventato più un maleficio che una gioia: «Il mio computer non è nuovissimo, ma funziona perfettamente. Ovvio, però, che appena mi collego a internet iniziano i problemi. Non riesco neppure ad inviare mail per segnalare il problema».


E non pensate sia una truffa inconsueta, perché giusto ieri sempre a Ferrara è stato denunciato ai carabinieri da una donna il blocco del pc e anche della carta di credito abbinata. «Io nelle scorse settimane mi sono rivolto alla Polizia postale - aggiunge il pensionato portuense -, mi hanno spiegato che in casi come questi serve la relazione di un tecnico specializzato. Allora mi sono rivolto ad un tecnico, il quale mi ha detto che non ne vale la pena, il virus si ripresenterebbe per cui mi ha consigliato di acquistare un nuovo pc o tablet. Ma non capisco come sia possibile non riuscire a fermare le persone che fanno cose di questo tipo, ormai viviamo nell’era di internet ed è incredibile doversi arrendere in questo modo». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA