Uisp e Csi, Superlega in stand-by almeno per una settimana

Attività sportiva regolarmente riconosciuta dal Coni  che si svolge in ambito interregionale: si attendono indicazioni  

il nodo

Il “caso” sul territorio ferrarese potrebbe arrivare dal calcio e più precisamente da quello gestito dalla Superlega Uisp-Csi. Nello scorso week end ha preso il via il campionato amatori, con il regolare svolgimento di tutti gli incontri e ieri sera si doveva completare il quadro delle partite del campionato Over 35, che ha visto prologo venerdì sera con il match pareggiato 2 a 2 fra Dynamo Coccanile ed Evergreen Argenta. Con tutte le squadre in trepidante attesa, per gran parte della mattinata di ieri i vertici locali sono stati in contatto con la sede nazionale a Roma che a sua volta era in contatto con gli organi competenti, in attesa di un chiarimento sulla loro attività, che è sviluppata da un ente di promozione sportiva regolarmente riconosciuto dal Coni, si svolge in ambito anche interregionale (Emilia e Veneto per fare un esempio a noi vicino) e le società sono almeno normali Asd come tutte le società affiliate al Coni. Squadre seniores che fanno abitualmente due allenamenti alla settimana, in regola con le visite medico sportive ed applicando tutti i protocolli anti Covid. Che differenza c’è – ad esempio – con una seconda categoria ? Da Roma però nessuna notizia, tant’è che nel primo pomeriggio è stata emessa la seguente nota interlocutoria: “In seguito alle disposizioni emanate dal Consiglio dei Ministri, vi comunichiamo che l’attività sportiva legata ai campionati della Superlega calcio Ferrara è momentaneamente sospesa in via cautelativa per tutta questa settimana. Ciò è dovuto al fatto che al momento attuale non sono chiari e palesi i limiti entro i quali ci è permesso di svolgere la nostra attività. Risulta invece esplicita la disposizione che al momento sono consentiti solo gli allenamenti individuali senza il seguito della partitella.


“Ci riserviamo di fare ulteriori valutazioni con gli organi nazionali e di avere anche indicazioni dalla Presidenza della Regione Emilia-Romagna. Prima della fine di questa settimana verrà diramato un ulteriore e più esplicativo comunicato”. Come dire che nemmeno gli organi competenti sono riusciti a capire qualcosa, di quello che hanno scritto e dare direttive sulla sua applicazione. —

dario cavaliere

© RIPRODUZIONE RISERVATA