Codigoro. Tre clandestini afghani nascosti nel cassone di un camion

Il mezzo pesante era arrivato allo stabilimento Valfrutta, i dipendenti hanno notato movimenti sospetti e hanno avvisato i carabinieri

CODIGORO. Erano nascosti nel cassone di un camion proveniente dalla Bulgaria e che doveva consegnare la merce alla Valfrutta di Codigoro. Li hanno scoperti ieri pomeriggio (venerdì 23 ottobre) i carabinieri di Codigoro e Lagosanto, chiamati sul posto da alcuni dipendenti che avevano notato movimenti anomali all'interno del mezzo pesante parcheggiato nel piazzale dello stabilimento, ritenendo inoltre di aver visto tre persone muoversi all'interno del cassone. 

I militari, giunti sul posto, hanno controllato il camion trovando tre immigrati clandestini. E' stato identificato l’autista, un quarantacinquenne bulgaro dipendente di una ditta di trasporti del paese di origine. I tre clandestini, di origine afghana, sono stati  trasferiti all’ospedale di Cona per l’accertamento dello stato di salute e per il tampone Covid. Successivamente sono stati sistemati in una struttura provvisoria della parrocchia di Pontemaodino, in attesa delle procedure di identificazione e l'eventuale espulsione da parte della Questura di Ferrara.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi