Altri 15 ricoveri per coronavirus nel Ferrarese, a Cona aperta la seconda Terapia Intensiva

Al Sant'Anna esauriti i posti per i casi più gravi, attivata una seconda Unità con 7 letti.  Quasi saturi i reparti Covid degli ospedali di Cento e Lagosanto. In Emilia Romagna i nuovi positivi sono oltre 1.500 con otto vittime

FERRARA. Continuano a crescere i ricoveri per coronavirus nel Ferrarese e le aziende sanitarie potenziano i posti letto Covid. Ieri altri quindici persone hanno avuto bisogno di cure ospedaliere: sette pazienti sono entrati a Cona (compensati da cinque dimissioni) e altre otto tra gli ospedali di Cento e Lagosanto. Tutti occupati gli otto posti della Terapia Intensiva Covid del Sant'Anna di Cona, tant'è che proprio oggi l'azienda ospedaliera ha disposto la riapertura di una seconda Terapia Intensiva da 7 posti, a cui si aggiungono ulteriori 24 posti di degenza ordinaria Covid. Anche a Cento, peraltro, i posti disponibili sono quasi esauriti con 55 degenti su 59 letti, e anche il Delta è in sofferenza con due soli posti liberi nella Medicina Covid (21 su 23), mentre sono tutti occupati i 10 posti della Lungodegenza post acuti.

Sono 42 invece i nuovi contagi riscontrati in ventiquattrore in tutta la provincia su 602 tamponi effettuati; l'età media è di 43 anni e gli asintomatici sono 22. Solo quattro dei nuovi positivi provengono da focolai noti, mentre i restanti 38 sono riconducibili a casi sporadici. Nessuna guarigione per doppio tampone. Tra il personale del Sant'Anna inoltre si contano 11 positivi, mentre tra i dipendenti Asl sono 10, ma il dato è aggiornato a lunedì 26 ottobre.

Sono 99 le persone entrate in isolamento domiciliare, 5 in sorveglianza telefonica e altri 217 hanno terminato la quarantena.

In Emilia Romagna su 21.860 tamponi effettuati 1.545 sono risultati positivi, di cui 741 asintomatici. Otto le persone decedute, nessuna in provincia di Ferrara.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi