Ferrara, 540mila euro per le attività colpite dalle chiusure Covid

Mezzo milione di euro di risorse anti-crisi messo a disposizione dal Comune

FERRARA. Il Comune di Ferrara ha messo a disposizione circa 540mila euro per le attività economiche che, a seguito degli ultimi provvedimenti del Governo, hanno subito restrizioni o chiusure. Il nuovo bando di "Ferrara Rinasce" prevede l'erogazione di assegni o da mille o da 500 euro, a parziale sostegno delle spese vive che molti si trovano ad affrontare nonostante non possano aprire o siano soggetti alle nuove limitazioni introdotte dai Dpcm e dall'ingresso dell'Emilia-Romagna in fascia arancione. Per la gestione delle domande (prevista in forma semplificata da portale web) il Comune si avvale del supporto dell'agenzia per lo sviluppo Sipro.

La pubblicazione del bando è attesa nei prossimi giorni sia sul sito istituzionale sia su quello della stessa Sipro. Le nuove misure di sostegno si sommano alle precedenti iniziative anti-crisi già messe in campo dall'amministrazione comunale. Nel complesso, ad oggi, le realtà economiche che hanno ricevuto i contributi (o che ne saranno destinatarie) sono 1.200 circa. Il nuovo bando consentirà anche a nuove categorie di attività, rispetto a quelle identificate dai codici Ateco previsti in precedenza, di poter accedere ai fondi. «L'iniziativa che abbiamo messo in campo è una nuova misura di sostegno per dare un pò di ossigeno a chi è stato duramente colpito dai provvedimenti del Governo - ha detto il sindaco Alan Fabbri -. Stiamo individuando ulteriori risorse e studiando altre misure, ad esempio per sostenere il comparto turistico e le realtà associative. Il Comune intende fare la propria parte per sostenere il lavoro. Mi auguro - ha concluso Fabbri - che anche il Governo stanzi risorse adeguate e investa sull'occupazione».