Ferrara e le 18 perle: prodotti Igp e Dop da valorizzare

L’obiettivo è puntare sulle eccellenze del territorio. Un confronto regionale sul ruolo dei mercati all’ingrosso

FERRARA. Puntare sulle eccellenze. È questa una delle strade per promuovere i prodotti caratteristici e garantiti della provincia di Ferrara. Anche perché il consumatore richiese sempre di più sostenibilità, biologico e certezza della produzione. Mentre ci si domanda sul ruolo dei mercati ortofrutticoli all’ingrosso per la valorizzazione dei prodotti Dop e Igp in un webinair in programma giovedì 10 alle ore 11 promosso da Caab, Fico e Regione Emilia Romagna, le eccellenze ferraresi tra Dop e Igp sono 18 di cui 6 interamente ferraresi.

Aglio di Voghiera dop


È un prodotto di nicchia che ha ottenuto il riconoscimento della Dop nel 2007. La composizione chimica è un perfetto equilibrio tra enzimi, vitamine, sali minerali e flavonoidi che conferiscono una specifica identità genetica all’Aglio di Voghiera, che viene coltivato nei territori dei comuni di Voghiera, Masi Torello, Portomaggiore, Argenta e Ferrara nel rispetto del Disciplinare di Produzione.

Cappellacci di zucca ferraresi Igp

I Cappellacci di zucca sono una pasta fresca ripiena, la cui ricetta tradizionale prevede la preparazione della sfoglia con farina di grano tenero, duro e uova e un ripieno costituto da polpa di zucca gialla “violina”, con l’aggiunta di formaggio grattugiato, pangrattato, noce moscata e zucchero. La zona di produzione è rappresentata dall’intera provincia di Ferrara.

Coppia di pane ferrarese Igp

È il pane ferrarese dalla classica forma della coppia o “ciupèta”, costituita da una parte centrale o nodo dalla quale si dipartono i due nastrini o curnit. L’Igp ha la sua zona di produzione nell’intera provincia di Ferrara ed è riservata al pane prodotto con farina di grano tenero di tipo 0, acqua, strutto di puro suino, olio extravergine di oliva, lievito naturale, sale alimentare e malto.

Pampapato di Ferrara Igp

Il pampapato (o pampepato), le cui origini vengono fatte risalire all’epoca degli Estensi, veniva ritenuto un dolce ricco e degno di un papa, tanto da essere offerto in dono agli alti prelati dagli ecclesiastici e dalla nobiltà ferrarese, i quali non a caso vollero modellarlo a forma di copricapo cardinalizio. È un prodotto da forno ottenuto dalla lavorazione di farina, canditi, frutta secca, zucchero, cacao, spezie e ricoperto con cioccolato fondente extra.

Salama da sugo Igp

La “Salama da sugo” è un prodotto composto da una miscela di carni suine aromatizzate e insaccate, tipico della provincia di Ferrara e profondamente radicato nel territorio. Le particolari caratteristiche organolettiche derivano dall’utilizzo di vino e spezie nonché da una stagionatura condotta in specifiche condizioni ambientali.

Vini del Bosco Eliceo Dop

La parte orientale della provincia di Ferrara ospita i Vini delle Sabbie. Questa è una zona vitivinicola molto particolare, che si estende tra le bocche del Po e la foce del Reno (e che comprende il “Parco Regionale del Delta del Po” ). I vini Dop del Bosco Eliceo sono Bianco, Fortana, Merlot e Sauvignon.

Le altre eccellenze

Le altre eccellenze ferraresi, sia pure condivise con altre province e aree sono: l’Asparago Verde di Altedo (Igp) insieme a Bologna; il Cotechino di Modena (Igp) insieme a tutte le province emiliano-romagnole; il Grana Padano (Dop) con Forlì-Cesena, Ravenna, Piacenza e altre regioni; il melone Mantovano (Igp) con Mantova, Bologna e Modena; la Mortadella di Bologna (Igp) con tutte le province emiliano-romagnole esclusa Rimini; le Pere dell’Emilia Romagna (Igp), con Bologna, Modena, Ravenna e Reggio Emilia), la pesca e nettarina di Romagna (Igp) con Bologna, Forlì–Cesena e Ravenna; Il Riso del Delta del Po (Igp) con altre province del Veneto; il Salame di Cremona (Igp) con tutte le province emiliano-romagnole), i Salamini italiani alla cacciatora (Dop) con tutte le province emiliano-romagnole esclusa Rimini; lo Squaquarone di Romagna (Dop) con Forlì–cesena, Bologna, Ravenna e Rimini; lo Zampone Modena (Igp) con tutte le province emiliano-romagnole. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA