Contenuto riservato agli abbonati

Ferrara, cordoglio per il titolare del bar Centro storico

Federico Domeneghetti

Addio a Fede, 48 anni, deceduto l’altra notte al Sant’Anna: era il nipote di Gianfranco Orsatti 

FERRARA. Una notizia improvvisa che ha scosso il mondo della ristorazione ferrarese. Nel corso della notte fra venerdì e sabato, infatti, è morto all’età di 48 anni Federico Domeneghetti, per tutti “Fede” componente di una delle grandi famiglie Orsatti, fra le più note della città avendo in gestione bar-pasticcerie e panifici. Federico, in particolare, era dallo scorso 2016 dietro al banco del Centro storico in corso Martiri della Libertà, uno dei locali più noti di Ferrara.

Federico, nato il 4 luglio del 1972, è morto venerdì notte all’ospedale Sant’Anna di Cona per un grave problema di salute. Soffriva già da qualche tempo, anche se la situazione non sembrava così grave. Nel corso della giornata di venerdì, però, le condizioni sono peggiorate anche se il 48enne non voleva convincersi ad andare al pronto soccorso. Una volta arrivato a Cona la situazione è apparsa subito grave, con il decesso avvenuto nel corso della notte per un arresto cardiaco.


Domeneghetti era il figlio di Anna Orsatti, a sua volta conosciutissima per la sua attività prima nei forni gestiti assieme al fratello Gianfranco (via Palestro e via Garibaldi) e poi anche nel bar del centro commerciale “Le Mura” in via Copparo. Perso il padre ormai parecchi anni fa, il 48enne aveva perso l’amata madre nel 2016, mentre da alcuni mesi era finita anche la lunghissima relazione con Silvia, compagna sia nella vita che nel lavoro. Relazione dalla quale sono nate le piccole figlie Giorgia e Anna.

Domeneghetti, figlio unico, era poi molto legato proprio allo zio Gianfranco, che lo affiancava nella gestione del Centro storico, avvicinandosi in particolare da quando non c’era più la loro amata Anna, l’anima delle attività gastronomiche di questo ceppo degli Orsatti. Nato e cresciuto in città, con la scuola media Tasso frequentata assieme a tanti amici rimasti negli anni, il 48enne ha iniziato molto presto a lavorare nel panificio di famiglia in via Palestro. Ma è sicuramente al centro commerciale “Le Mura” di via Copparo che si fa “le ossa” dietro al banco, lanciando la moda dell’aperitivo con buffet, diventato nel giro di poche settimane un appuntamento imperdibile per molti ferraresi, in particolare al sabato quando avvicinarsi alle prelibatezze dietro al banco era praticamente impossibile.

Nel 2016, come detto, la nuova avventura, con la chiusura del bar-ristorante al centro commerciale per prendere in gestione il rinomato bar-pasticceria Centro storico, in corso Martiri della Libertà. Anche qui l’aperitivo divento degli appuntamenti imperdibili per i ferraresi, puntando sempre sul ricco buffet e sulla cortesia e simpatica di Federico e Silvia, entrambi sempre sorridenti e pronto a servire ogni cliente.

La notizia ieri non è circolata molto, anche per una scelta di riservatezza dello zio Gianfranco. Ma sui social non mancano i ricordi, in particolare molto toccante quello dell’amico Luca: “Per me non sei stato semplicemente un titolare, per me sei stata una grande persona alla quale sarò per sempre riconoscente e grato. Ricordo con sorriso il mio primo giorno alle dipendenze del tuo bar, ricordo il bel rapporto di rispetto e stima reciproca sul lavoro e nella vita, in me come in tanti altri lasci un grande vuoto. Mi auguro che da lassù tu possa ritrovare la serenità che qualcuno purtroppo nella vita terrena ti ha portato via. Ti immagino sereno tra le braccia della tua amatissima mamma Anna. Grazie Federico grazie veramente di cuore, mi mancherai. Rip.”.

A seguire i messaggi di altre persone che hanno conosciuto il 48enne, tutti ne sottolineano proprio la disponibilità e il sorriso pronto per ogni cliente. Oltre alle figlie e allo zio, Federico lascia i cugini e gli altri parenti. La data dell’ultimo saluto dev’essere ancora fissata, probabilmente il rito sarà celebrato all’inizio della prossima settimana. —