Contenuto riservato agli abbonati

Calci e sputi a un’invalida: individuati e denunciati dopo le botte sull’autobus a Ferrara

La donna aveva redarguito i due giovani perché fumavano sul mezzo pubblico, la coppia ha aggredito anche i carabinieri

FERRARA. Sono stati identificati dai carabinieri e denunciati i due aggressori della donna invalida colpita a calci e sputi dopo che aveva chiesto loro di smettere di fumare sull’autobus. La coppia è stata rintracciata venerdì in via Comacchio, poco dopo e a poca distanza dal luogo dell’aggressione, avvenuta a Villa Fulvia sull’autobus della linea 6.

Alla vista dei militari, che li avevano riconosciuti sulla scorta della descrizione dei testimoni, i due hanno reagito con spinte e sputi, e sono stati denunciati per resistenza a pubblico ufficiale: si tratta di una quarantenne russa e di un trentottenne lettone, entrambi senza un domicilio stabile in Italia.


A loro carico potrebbe aggiungersi ora anche la denuncia per lesioni da parte della donna picchiata, una signora invalida di 43 anni, che avrà un mese di tempo per decidere se rivolgersi o meno alla magistratura. Nell’aggressione ha riportato contusioni giudicate guaribili in una settimana, e perché la denuncia scatti automaticamente la prognosi minima deve essere di venti giorni.

La donna venerdì mattina si trovava sull’autobus quando aveva notato due passeggeri accendersi la sigaretta, e li aveva invitati a rispettare il divieto di fumare a bordo del mezzo pubblico. La coppia per tutta risposta l’aveva raggiunta, spintonata a terra e colpita con calci e sputi. L’autista aveva fermato l’autobus per aiutare la malcapitata, ma nel frattempo gli aggressori erano riusciti ad allontanarsi. Sul posto, insieme agli operatori del 118, è intervenuta una pattuglia dei carabinieri che poco dopo ha individuato e bloccato la coppia. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA