Contenuto riservato agli abbonati

Padre e figli minorenni sorpresi a rubare nel negozio di animali a Copparo

Un grande magazzino con prodotti per animali (foto d'archivio)

La "visita" in via Primicello per prendere l'occorrente al cagnolino appena arrivato in famiglia

COPPARO. Non solo ha pensato di rubare oggetti futili in un negozio di animali, ma credendo di evitare il peggio nel caso qualora fosse stato scoperto, ha mandato avanti i figli minorenni, mettendo così nei guai l’intera famiglia e in particolar modo i ragazzini.

Tutto è successo all’inizio di questo mese a Copparo quando i tre si erano recati, tutti insieme, in un negozio di Copparo, situato in via Primicello.


Il furto

Il padre, un cittadino trentasettenne di origine slava, con i due figli minori, è arrivato fino al negozio con l’intento di prendere quanto occorreva per il cagnolino appena arrivato in famiglia. I tre, dopo essere entrati nel negozio, hanno scelto gli oggetti più adatti per l’animale e mentre il padre con uno dei figli distraeva il commesso, l’altro figlio minorenne ha portato via, riuscendo a nasconderli, una cuccia e due cappottini per cani, allontanandosi subito dopo dal negozio raggiunto da papà e fratello.

La scoperta

Il responsabile del negozio, insospettito per tanta fretta, si è reso contro di quanto successo ma i tre si erano già dileguati e ha subito presentato denuncia ai carabinieri della stazione di Copparo. I militari hanno avviato immediatamente le indagini, riuscendo in breve tempo a individuare e identificare gli autori del reato, richiedendo all’autorità giudiziaria di Ferrara un decreto di perquisizione domiciliare.

la perquisizione

Ieri mattina all’alba, i militari si sono presentati a casa della famiglia, effettuando la perquisizione e in effetti tutta la merce rubata è stata trovata e restituita al legittimo proprietario. Ora tutti e tre dovranno rispondere del reato di furto pluriaggravato in concorso, davanti all’autorità giudiziaria per l’uomo e del Tribunale per i minori di Bologna per i due adolescenti. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA