Contenuto riservato agli abbonati

Ippodromo comunale, assegnato l’appalto. Intervento per il restauro antisismico

La Cooperativa Cea di Parma curerà i lavori nella struttura. L’assessore Travagli: seguirà un nostro piano di valorizzazione

FERRARA. Assegnati i lavori per il ripristino con miglioramento antisismico dell’ippodromo comunale. Ad aggiudicarsi il bando del Comune di Ferrara al quale avevano partecipato 20 aziende è stata la Cooperativa edile artigiana di Parma, la Cea tra l’altra in questo periodo ha vinto anche altri importanti appalti a Ferrara, come i lavori di ristrutturazione antisismica di Palazzo Diamanti e analogo intervento di ristrutturazione in atto nella chiesa di Santo Spirito.

La ristrutturazione


Le ditta vincitrice è chiamata a eseguire lavori di ripristino del miglioramento sismico per un importo complessivo da progetto esecutivo presentato nello mese di agosto del 2019 di 1,1 milioni di euro di cui 663.480 euro per lavori.

È stato stipulato un contratto a misura con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. La spesa è finanziata per 1 milione e 94mila euro con il contributo regionale per il sisma e per 24mila euro con il rimborso assicurativo. Quella della sistemazione antisismica dell’ippodromo è il primo passo per un progetto più ampio di riqualificazione della struttura.

L’ippodromo infatti presenta alcune criticità strutturale emerse proprio nel 2012 con le scosse del terremoto per cui ha ottenuto il finanziamento regionale per il suo ripristino con miglioramento antisismico.

Il piano del Comune

«Approfittiamo - dichiara l’assessore comunale al patrimonio Angela Travagli - di questi fondi messi a disposizione dalla Regione per lavori di riordino antisismico della struttura per iniziare a fare un ragionamento più ampio sulla rigenerazione di questo importante contenitore cittadino. Dopo che verrà effettuato il lavoro di ristrutturazione c’è la volontà di recuperare ulteriormente questo spazio virtuale, rendendolo più fruibile alla cittadinanza attraverso un’operazione di riqualificazione urbana e di valorizzazione dell’immobile alla quale sarà importante trovare sinergie tra il Comune, l’Ati che raggruppa quattro società per la gestione della struttura dell’Ippodromo, oltre altre associazioni operanti in loco, come la contrada di San Luca».

Il nucleo centrale edilizio dell’ippodromo comunale è composto dalle scuderie, oltre che dagli uffici amministrativi, le tribune e gli edifici per le attività connesse.

Una struttura in pieno rilancio quindi e sulla quale il Comune sta già investendo risorse e idee per renderla più fruibile. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA